Criminologa, così l'hanno ucciso di nuovo

(ANSA) - NAPOLI, 10 SET - "Ciccio era un uomo buono, che non meritava quella morte: quei festeggiamenti lo hanno ucciso per la seconda volta". Lo sottolinea la criminologa Antonella Formicola, che ha seguito da vicino l' omicidio del vigilante Francesco Della Corte, ucciso nella stazione della metro di Piscinola, a Napoli, il 3 marzo 2018.
    "Quale giustizia è questa? Il senso di impunita' che si respira nel nostro Paese e' arrivato a livelli insopportabili.
    Alcuni provvedimenti e sentenze - afferma - lasciano veramente senza parole. Come possiamo sperare di sentirci tutelati? Il garantismo, principio che va rispettato in maniera assoluta, sta purtroppo diventando un 'buonismo eccessivo'". "Chi uccide - conclude Antonella Formicola - deve pagare: i 18 anni, gli assassini, lo devono festeggiare in carcere, altrimenti faremo passare il messaggio che in Italia chi delinque resta impunito".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie