Joint Venture italiana realizza 2 centrali solari in Cile

Building Energy e Gruppo Scotta, a Villa Prat e Punitaqui

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Building Energy, multinazionale che opera come Global Integrated IPP nel settore delle energie rinnovabili, annuncia la connessione del secondo impianto solare in Cile (Villa Prat, di 3 MW di capacità) ed anche il via libera per un ulteriore parco fotovoltaico.

L'impianto sarà realizzato da Building Energy Andes SpA, Joint Venture nata dalla collaborazione con il Gruppo Scotta, società italiana specializzata nella progettazione, realizzazione e installazione di centrali idroelettriche e nell'automazione industriale.

Building Energy Andes ha appena ottenuto l'approvazione ambientale per lo sviluppo del parco solare, che verrà costruito a Punitaqui, nella IV Regione, in Cile, avrà una potenza installata di 9 MW e prevederà un investimento di circa 12 milioni di dollari. Tale approvazione è stata concessa all'unanimità dalla Commissione di Valutazione della Regione di Coquimbo.

Questo progetto si aggiunge al piano di investimenti da circa 30 milioni di dollari, sostenuto da Building Energy Andes per il periodo 2017-2020, che prevede già la costruzione di altri 4 impianti fotovoltaici e di una centrale mini idroelettrica.

Di questo programma sono dunque già 2 gli impianti fotovoltaici in esercizio, da 3 MW ciascuno, realizzati a Peralillo e Villa Prat nella VII Regione, mentre sono ancora in fase di costruzione i parchi di Alto Solar da 3 MW e di Queule da 8 MW, ubicati nella VI Regione.

Sono inoltre in procinto i lavori per la costruzione della mini centrale idroelettrica da 3 MW a La Confianza, da 3 MW, nella VIII Regione, che prevede un investimento di circa 5,8 milioni di dollari.

Per lo sviluppo di questi progetti Building Energy Andes si è avvalsa del finanziamento dell'istituto di credito cileno Security.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA