Pesca telline e lupini a rischio, ripascimenti killer

Fedagripesca, coste vuote per 2 anni per reintegro insediamenti

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 27 GEN - Lupini, fasolari, cappelunghe e telline a rischio ancora una volta per colpa dei cambiamenti climatici. Le violente mareggiate che si abbattono sempre più frequentemente sulle coste, rendono necessari interventi di ripascimento che non a caso negli ultimi 10 anni sono aumentati del 10% interessando il 70% delle coste italiane. Il problema è che viene riportata sabbia che non sempre è dello stesso tipo di quella che si trova a ridosso della riva, habitat naturale di tanti molluschi. Il risultato è che spariscono per due anni, tanto ci vuole perché si creino nuovi insediamenti. A lanciare l'allarme è Fedagripesca-Confcooperative. "Ben vengano interventi a difesa dell'economa turistica", fanno sapere i consorzi di gestione per la gestione e la tutela della pesca dei molluschi di Chioggia e Venezia, "ma se non tengono conto dell'impatto sui sedimenti e sulla risorsa, chiuderanno centinaia di imprese, mettendo a repentaglio un intero patrimonio gastronomico". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie