A Ginevra supercar e berline vestono ‘made in Italy’

Da Ferrari 488 Pista a Peugeot 508, interni firmati Alcantara

Redazione ANSA

GINEVRA - Sono ''made in Italy'' gli interni di numerose vetture protagoniste sotto i riflettori dell'ottantottesima edizione del Salone di Ginevra, in svolgimento sino al 18 marzo.

Sono infatti firmati Alcantara i rivestimenti di varie premiere, dalla Ferrari 488 Pista, regina indiscussa della kermesse, sino alla rinnovata Peugeot 508, esposta nell'esclusiva versione First Edition. Materiale tecnico scelto da molti Costruttori di veicoli sportivi per le sue caratteristiche di leggerezza, robustezza e perché è anche piacevole al tatto, l'Alcantara, da cui ha preso il nome l'azienda milanese che la produce, viene spesso preferita alla pelle per impreziosire gli abitacoli delle vetture di lusso. Oltre alla Rossa e alla quattro porte del Leone, le altre macchine che la sfoggiano tra quelle al debutto mondiale nella manifestazione elvetica sono la Bugatti Chiron Sport, la McLaren Senna, l'Audi A6, la Lamborghini Spyder Performante e il concept car H2 Speed realizzato dalla Pininfarina. A queste si aggiungono decine di altri modelli in passerella, dalla city Suv Seat Arona sino all'ammiraglia Maserati Quattroporte. In particolare, in merito all'applicazione Ferrari, dalla sede meneghina di via Mecenate, sottolineano: ''L'utilizzo estensivo di Alcantara assume un ruolo centrale per gli interni di questo nuovo modello in cui è stato essenziale limare ogni grammo superfluo dalla massa complessiva''. E' stata impiegata per rivestire ''i sedili sportivi a guscio, che garantiscono il massimo grip per il contenimento del pilota e una corretta traspirazione durante l'uso intenso in pista. Anche i poggiatesta integrati con il Cavallino Rampante ricamato e in colore a contrasto nella stessa tonalità delle doppie impunture laterali sono in Alcantara'', come la ''parte superiore dei pannelli porta, alcuni dettagli del tunnel centrale, l'imperiale e i montanti senza dimenticare la plancia della due posti di Maranello''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA