ANSAcom

Turismo: un logo multicolor per le Dolomiti bellunesi

Claim 'The mountains of Venice', anche in vista Olimpiadi

MILANO ANSAcom

Le Dolomiti della Provincia di Belluno si presentano all'Italia e al mondo intero con un nuovo 'vestito': un logo multicolore, come tante sono le sfaccettature e le esperienze che il turismo della zona offre ai visitatori, e internazionale, attraverso il claim 'The mountains of Venice'. Il nuovo marchio turistico, voluto dal Consorzio DMO Dolomiti della Provincia di Belluno, è stato presentato oggi in occasione della giornata inaugurale della Bit, la fiera internazionale del Turismo a Milano. Obiettivo del rebranding è rafforzare l'identità del territorio, anche in seguito alla candidatura Milano-Cortina ai Giochi Olimpici 2026. Al lancio del marchio hanno partecipato, tra gli altri, l'assessore regionale al Turismo Federico Caner, il presidente della provincia di Belluno Roberto Padrin e il sindaco di Cortina d'Ampezzo Gianpietro Ghedina. "Le Dolomiti hanno seguito la linea che è stata anche della Regione con il nuovo marchio 'The land of Venice' con il marchio delle 'The Mountains of Venice' - ha spiegato l'assessore regionale a turismo -. Oltre il 46% delle montagne riconosciute dell'Unesco sono in territorio bellunese. Per noi è un orgoglio e un onore poterle esibire. Il nostro turismo non è solo domestico, ma arrivano turisti da tutto il mondo: è importante comunicare loro che vicino a Venezia ci sono montagne splendide. Il Veneto non è solo Venezia ci sono tante realtà e possibilità per un turismo emozionale", ha concluso l'assessore. Per il presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin, "oggi è una giornata molto importante perché abbiamo lanciato questo brand che lega le nostre montagne alla straordinaria bellezza di Venezia. E' un collegamento non solo geografico anche storico, visto che gran parte di Venezia poggia sul legname che è partito proprio dalle nostre terre. E' un'occasione per valorizzare questo patrimonio di paesaggi, cultura, sport, enogastronomia e mi auguro che da oggi possa partire una nuova storia che possa promuovere e valorizzare il territorio", ha concluso. "Cortina è una città che vive di natura, neve e ghiaccio tra le Dolomiti, che quest'anno celebrano i 10 anni dal riconoscimento di Patrimonio dell'Umanità Unesco - ha detto il sindaco di Cortina -. C'è grande entusiasmo per questo lancio e sono felice di aver collaborato. Dopo aver ospitato le Olimpiadi nel 1956, oggi crediamo nella candidatura Milano-Cortina 2026: il nostro lavoro è un lavoro di squadra con costi molto bassi e un impatto ambientale ridotto, grazie all'utilizzo di strutture preesistenti in varie regioni. La nostra è una candidatura forte e Cortina guarda a questa possibilità di rilancio con grande entusiasmo. Se lavoriamo assieme possiamo vincere le sfide del futuro con beneficio per tutti". Il progetto di branding, oltre al nuovo logo, prevede anche una serie di azioni dedicate a diffondere le migliori esperienze turistiche che i viaggiatori, così come i locali, troveranno nella provincia di Belluno: impianti sciistici nel comprensorio del Dolomiti Superski, collegati a diverse cittadine di montagna, durante l'inverno, o i sentieri e percorsi delle Alte vie per il periodo estivo; e ancora trekking, percorsi ciclabili (con anelli per la mountain bike e le storiche salite del Giro d'Italia), alpinismo, canyoning e parapendio. Non solo sport e paesaggi, ma anche cultura ed enogastronomia.

In collaborazione con:
Provincia Belluno e Consorzio DMO Dolomiti

Archiviato in