Percorso:ANSA > Mare > Porti e Logistica > Ponte Genova: Autorità Porto, rallentato trend di crescita

Ponte Genova: Autorità Porto, rallentato trend di crescita

Ma secondo l'authority il sistema ha tenuto

07 dicembre, 20:00
Ponte Genova: Autorità Porto, rallentato trend di crescita Ponte Genova: Autorità Porto, rallentato trend di crescita

(ANSA) - GENOVA, 7 DIC - "Gli effetti negativi indotti dal crollo del ponte Morandi hanno determinato un rallentamento nel trend di crescita", ma nel suo complesso "il sistema ha tenuto".

E' questo il primo commento ufficiale espresso dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, dopo la pubblicazione dei dati di traffico dei porti di Genova e Savona relativamente a settembre e ottobre 2018.

In particolare, sottolinea l'authority, il traffico di container del sistema Genova-Savona, "dopo una crescita a due cifre nel passaggio tra il 2016 e il 2017 (+14,4%), nel periodo gennaio-ottobre 2018 ha registrato un -0,8% in termini di tonnellate e un +0,4% relativamente al numero di TEU movimentati".

Sempre in tema di movimentazione contenitori, l'AdSP aggiunge che, "come, da un approfondimento effettuato sui dati di traffico relativi al trimestre agosto-ottobre 2018, la contrazione della movimentazione dei container, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, si attesta al -9%".

Senza questi rallentamenti, "pur scontando un tasso di crescita fino a luglio intorno al 3,6% (comunque più basso dell'anno precedente)", il trend annuale "avrebbe determinato un risultato senz'altro positivo al termine dell'esercizio in corso".

Numeri migliori, invece, per le altre categorie merceologiche (merci convenzionali che includono i traffici di rotabili), cresciute complessivamente del 7,6%, con una differenza tra Genova (+4,5%) e Savona (+14,5%).

"Nel complesso - evidenzia Palazzo San Giorgio - la tenuta del sistema, pur in seguito agli eventi calamitosi rappresentati dal crollo del ponte e successivamente dal pesante fortunale che si è abbattuto sulla costa ligure (determinando significativi danni alle infrastrutture portuali), evidenzia la forza commerciale degli scali e gli effetti positivi degli interventi emergenziali che sono stati adottati da subito per fare fronte alla crisi".

L'obiettivo del breve-medio termine resta però quello di "sostenere l'economia portuale con le misure del 'decreto Genova' e di intervenire sulle infrastrutture per garantire l'avvio di quelle opere essenziali per migliorare la logistica portuale e cittadina".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: