COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale IMG SOLUTION SRL

Come essere primi su Google

Sei un’azienda o un professionista che vuole avere più clienti grazie al web? Scopri come essere tra i primi risultati su Google, il motore di ricerca utilizzato dal 90% degli utenti e inizia ad ampliare il tuo business!

Il web è l’universo delle possibilità: le sue potenzialità – ce ne siamo accorti da almeno una ventina d’anni a questa parte – sono pressoché infinite, così come le opportunità di business che la rete offre ad aziende e professionisti. Internet, infatti, permette di venire a contatto con un numero di potenziali clienti che sarebbe impossibile eguagliare nella realtà.

Per far crescere il tuo business grazie al web, però, bisogna saper giocare bene le proprie carte: è vero che la rete ti permette di entrare in contatto con milioni di utenti, ma è altrettanto vero che su internet c’è talmente tanto posto che, se non si è capaci di farsi notare, si rischia facilmente di perdersi tra i migliaia di competitors del proprio settore di riferimento. Insomma: per fare affari bisogna farsi conoscere. E per farsi conoscere bisogna essere tra i primi risultati sul principale motore di ricerca, quello utilizzato dal 90% degli utenti: Google. Scopriamo come fare.

Come fai a essere presente su Google?

Senza por tempo in mezzo, passiamo subito al focus di questo articolo ossia le modalità tramite le quali è possibile essere primi su Google. Che sono sostanzialmente due: 

1. La SEO

2. Google Ads

 

La SEO

Acronimo di Search Engine Optimization , la SEO comprende tutto l’insieme delle strategie che, se messe in atto correttamente, permettono di migliorare il posizionamento del tuo sito web su Google. E no, non si tratta – come molti pensano erroneamente – del semplice utilizzo delle parole chiave, ma di un lavoro molto più complesso che comprende anche altri aspetti (dalla pulizia del codice delle pagine ai collegamenti ecc.) e che, di conseguenza, non può essere frutto di un approssimativo fai da te. In altre parole, per essere primi su Google grazie alla SEO non ci si può limitare a utilizzare una manciata di keywords all’interno delle pagine web del proprio sito, ma bisogna investire. A questo punto, hai due possibilità: formare adeguatamente una risorsa interna come consulente seo oppure affidarti a un professionista del settore.

 

Google Ads

L’altro modo per garantire un buon posizionamento del tuo sito su Google è usufruire di un importante strumento che Google stesso ha messo a disposizione dei propri utenti: Google Ads.

Google Ads è un servizio tramite il quale è possibile inserire spazi pubblicitari di diverso tipo (dai banner agli annunci solo testuali o a quelli sotto forma di immagini o video) nelle pagine di ricerca di Google. Una delle caratteristiche più importanti di Google Ads è la pertinenza: nel momento in cui un utente cerca sul web un particolare prodotto o servizio, Google Ads permette di intercettare il suo bisogno, mostrandogli l’annuncio mirato a soddisfare le sue necessità. Per fare un esempio concreto, se si ha un’azienda che produce mobili da giardino in rattan, investendo su Google Ads si potrà indirizzare il proprio annuncio direttamente agli utenti che stanno cercando questo tipo di prodotti su internet, ottimizzando così le probabilità di vendita. Che è poi lo scopo del marketing.

 

Si può essere primi su Google gratis?

È bello avere un sito curato in ogni dettaglio, ma se non si ricevono visite è come avere un negozio nel deserto. Per questo è necessario mettere in atto precise strategie che permettono al proprio sito di essere ben posizionato sul web. Se però pensi di raggiungere questo obiettivo senza fare un investimento economico, sei in errore. Per essere primi su Google, infatti, o si ricorre a Google Ads (che è un servizio a pagamento) oppure si punta tutto sulla SEO, che permette sì di ricevere traffico da organico senza investire nella pubblicità, ma comporta comunque un costo, che sia di formazione di una risorsa interna all’azienda oppure di un consulente seo interpellato appositamente per ottimizzare il tuo sito. 

 

Perché Google Maps è importante per un’azienda locale

Negozi, artigiani e piccole imprese: per queste categorie, essere presenti su Google Maps è diventato ormai indispensabile. Facci caso: se, per esempio, digiti la query “ristorante di pesce Milano”, Google ti indirizza per primi a quelli più vicini alla tua posizione. Da parte di un’azienda (in questo caso il ristorante di pesce) questo servizio può rappresentare una potenziale miniera d’oro. Il punto sta, come al solito, nel saperlo usare bene. Per questo è consigliabile utilizzare un altro servizio, Google My Business . Si tratta di uno strumento al 100% gratis, quindi diffida se ti arrivano richieste di denaro improprie: meglio destinare le risorse per un consulente che può aiutarti, grazie alle sue competenze, a migliorare la tua scheda local su Google My Business e accrescere così il tuo business.

Per maggiori informazioni: https://raffaeleconte.com/

Video ANSA