DIRETTA MONDIALI

Risultato finale
Francia 4
2 Croazia

Luka Modric

Genio e tocco, Modric per riscrivere storia

Redazione ANSA Croazia

La guerra dei Balcani ha fatto da sfondo alla crescita di uno dei talenti più puri nella storia del calcio: Luka Modric. Anche il genietto del Real Madrid ha sperimentato guerra e fame, vivendo la condizione di bimbo-profugo, privo di mezzi, oltre che di speranze. Non solo del pane.
A 16 anni finisce nella Dinamo Zagabria, che lo gira in prestito ai bosniaci del Mostar, poi finisce all'Inter di Zapresic. In patria il 'gioiellino' di Zara vince tutto, prima di finire a Londra, nel Tottenham, e cominciare la scalata ai vertici del calcio europeo. Nelle quattro stagioni con gli 'Spurs', il 'Cruijff di Croazia' perfeziona la propria tecnica, entrando nel mirino del Real Madrid, che se ne garantisce le prestazioni nel 2012. Una formidabile visione del gioco, una millimetrica precisione nei lanci con entrambi i piedi, senso geometrico e abilità nel recupero del pallone, lo rendono un calciatore al di sopra del contesto.
Modric non è più giovanissimo, essendo nato nel 1985, ma resta uno dei giocatori più forti del mondo. Uno di quegli elementi che qualsiasi allenatore vorrebbe avere alle proprie dipendenze. Ha una valutazione di mercato nemmeno altissima, 55 milioni, forse per l'età. Il suo talento, infatti, non può essere quantificato. Probabilmente è all'ultimo Mondiale, probabilmente anche per questo farà di tutto per trascinare la Croazia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA