DIRETTA MONDIALI

Risultato finale
Brasile 2
Costa Rica 0
Risultato finale
Nigeria 2
Islanda 0
Risultato finale
Serbia 1
Svizzera 2

Robert Lewandowski

Bomber e capitano, Lewa idolo polacchi

Redazione ANSA Polonia

Un fuoriclasse come non si vedeva da tempo, e non solo in Polonia. Robert Lewandowski e' la stella indiscussa della sua nazionale, e l'idolo calcistico di un Paese intero, che dal suo campione si aspetta meraviglie. Qualcuno lo ha messo nel gruppo dei cinque o sei calciatori migliori del mondo, ma e' una responsabilita' che non gli pesa, vista la frequenza con cui continua a scuotere le reti avversarie, per la felicita' soprattutto del Bayern Monaco.
Ma anche di chi segue la selezione polacca, basti pensare che
nelle partite delle qualificazioni a Euro 2016 e Russia 2018, in cui le aquile hanno perso solo due volte, 'Lewa' ha messo insieme ben 29 reti. Come dire che il passaporto della Polonia porta sempre il suo 'timbro', inevitabile per il più grande cannoniere polacco di sempre. L'ultima stagione in Bundesliga lo ha visto ancora dominare la classifica dei marcatori, quasi 'doppiando' il suo più immediato inseguitore, e raggiungere la soglia delle 180 reti.
Una macchina inarrestabile, su hanno messo gli occhi squadre come il Real Madrid, una delle pochissime che poteva essere in grado di convincerlo ad abbandonare la Baviera dove è adorato. La ridda di voci lo ha un po' distratto durante la stagione, costandogli anche un richiamo dal tecnico Heynckes, ma in breve è tornato ai soliti livelli. Un idolo in Germania, un talismano in Polonia, Lewa è considerato da Nawalka 'la locomotiva' della squadra, e da tutti i tecnici che hanno avuto la fortuna di allenarlo 'il perfetto n.9', che unisce fisico, tecnica, agilità ed enorme fiuto del gol ad una grande disponibilità anche a sacrificarsi in difesa. Per i suoi 30 anni, che compirà ad agosto, Robert vuole regalarsi un premio speciale e il Mondiale è l'occasione giusta.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA