Da Scerbanenco inedito a Faletti noir, estate in giallo

Tanti thriller e storie da fiato sospeso, da Sbirre a Fancy Red

Thriller romantici, psicologici, nerissimi. Noir hitchcockiani, fiabe dark, serial killer e un inedito Giorgio Scerbanenco. Per chi ama il giallo e le storie che lasciano con il fiato sospeso l'estate 2018 è ricca di titoli che non deluderanno. Al mare, in montagna, in un viaggio on the road, sono tanti i libri da portare in vacanza di autori noti e meno noti che promettono brividi, colpi di scena e sorprese ad alta tensione.

Ma senza rinunciare all'ironia e al divertimento come in 'HOTEL DEL GRAN CERVO' (Feltrinelli) di Franz Bartlett, un giallo alla Simenon con il commissario Vertigo Kulbertis a pochi giorni dalla pensione. E arrivano le 'SBIRRE' (Rizzoli) di Massimo Carlotto, Giancarlo De Cataldo e Maurizio de Giovanni, in bilico tra il bene e il male in storie che vanno dall'estremo Nordest alla Napoli anonima di sobborghi e quartieri residenziali, passando per una Roma crudele.

Ed ecco L'ISOLA DEGLI IDEALISTI (La nave di Teseo) di Giorgio Scerbanenco, con prefazione di Cecilia Scerbanenco e disegno di copertina di Manuele Fior. Considerato perduto e ritrovato solo di recente tra le carte di famiglia, l'inedito del padre del noir italiano, morto nel 1969, è ambientato sull'isola della Ginestra, un piccolo scoglio verde al centro di un lago dove, a villa Reffi, vivono un vecchio medico otorino, Antonio, e i suoi due figli. La vita scorre tranquilla fino a quando sull'isola non approdano due ladri d'albergo in fuga dalla polizia.

'LA MOGLIE TRA DI NOI' (Piemme), il romantic thriller di Sarah Pekkanen, scritto con la sua editor Greer Hendricks, bestseller in Usa, opzionato per un film dalla Amblin Entertainment di Spielberg, sembra, ma non lo è, la classica storia di un'ex moglie ossessionata dalla donna che l'ha sostituita nel cuore del suo ex marito. Ma invece siamo alle prese con qualcosa che va oltre il solito triangolo amoroso.

Amore e suspense di alto livello nel thriller psicologico di Caterina Bonvicini, 'FANCY RED' (Mondadori), che si apre con il mistero di un uomo al risveglio, in una lussuosa e sconosciuta camera da letto, con sdraiata accanto una ragazza che piange e distesa a terra la moglie morta. Il caso è legato a un rarissimo diamante rosso, il Fancy Vivid Red.

A modo suo anche 'ELEANOR OLIPHANT STA BENISSIMO' (Garzanti), fortunatissimo esordio della scozzese Gail Honeyman, è un po' un thriller. Sicuramente è una storia misteriosa con protagonista una donna sola, con una storia familiare traumatica, che ha per amica la piantina Polly e crede di essere felice così.

Non è il classico giallo neppure 'TERESA PAPAVERO E LA MALEDIZIONE DI STRANGOLAGALLI '(Giunti) di Chiara Moscardelli che vede la protagonista risucchiata in una serie di intrighi tra detective e carabinieri di paese e riserva tante risate e sorprese. Una nuova serie di gialli arriva dalla Sicilia e la protagonista è una donna: il vicequestore Giovanna Guarrasi, detta Vannina, amante della buona tavola e appassionata di vecchi film, al centro di 'SABBIA NERA' (Einaudi Stile Libero) di Cristina Cassar Scalia. La scrittrice ci porta in una villa signorile alle pendici dell'Etna dove, in un ala abbandonata viene ritrovato il corpo di donna ormai mummificato dal tempo.

Due racconti neri, 'Crimini' e 'Crimini italiani', di Giorgio Faletti, sono stati raccolti ne 'L'OSPITE' (Einaudi Stile Libero) a quattro anni dalla morte, il 4 luglio 2014, dello scrittore, attore, cantante e musicista. Il tema è uno di quelli più cari all'autore: la presenza inattesa che talvolta entra nella vita delle persone sconvolgendola.

Ne 'LA FORZA DELLA NATURA' (Bompiani) di Jane Harper torna in scena Aaron Falk e stavolta il malinconico agente federale albino è alle prese con la scomparsa di Alice Russell, dipendente della Bailey Tennants, dopo un corso di sopravvivenza nella foresta australiana del Giralang. Vira verso l'horror Pietro Grossi in 'ORRORE' (Feltrinelli) con cui entriamo in un'inquietante casa apparentemente abbandonata nel bosco con maschere demoniache, polvere e muffa ma anche angoli ordinati e forniture ospedaliere che preludono a qualcosa di sinistro fra quelle mura.

Inedita in Italia, arriva la fiaba nera 'CHI È PARTITO E CHI È RIMASTO' (Safarà Editore) dell'autrice e scrittrice inglese di inizio '900 Barbara Comyns, definita una precorritrice di Angela Carter.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA