Bmw Vision M NEXT, anche emozioni nel futuro dell'auto

Dopo iNEXT a guida autonoma, ecco la sportiva da pilotare

Motori Prove e Novità
Chiudi Bmw Vision M NEXT, anche emozioni nel futuro dell'auto (ANSA) Bmw Vision M NEXT, anche emozioni nel futuro dell'auto

Come sarà l'automobile dei prossimi decenni? Come ci sposteremo in futuro? Sfruttando una sorta di moderna 'macchina del tempo' basata sulla coesistenza di oggetti concreti e realtà virtuale, Bmw Group ha provato oggi a Monaco, durante l'evento #NEXTGen, a dare risposta a questi diffusi interrogativi, naturalmente attraverso la visione creativa della propria direzione Design. Accanto ad una concept car già mostrata in precedenti occasioni - il supersuv Vision iNEXT del 2018 - Bmw ha svelato oggi la berlinetta sportiva del futuro Vision M NEXT che, secondo quanto è stato spiegato ''completa la rivoluzione della mobilità aggiungendo alla opzione Essere Guidati (EASE) quella di Enfatizzare l'Individualità (BOOST)''.

Il Design di Bmw sta dunque dando forma ai cambiamenti che caratterizzeranno il piacere di essere trasportati sui veicoli autonomi o su quelli da guidare provando le tradizionali emozioni dinamiche di una Bmw. Ambiti innovativi - come appunto la guida autonoma, connettività, elettrificazione e servizi (ACES) - apriranno nuove opportunità ed esperienze e, al contempo, obbligheranno l'industria automobilistica ad un cambio di paradigma. In futuro, si potranno scegliere modelli accoglienti come un salotto (iNEXT) o sportivi come una vera auto da corsa (M NEXT), sempre riconoscibili come Bmw ma punto di partenza di esperienze diverse. L'automobile non sarà più solo un 'veicolo' ma di volta in volta diventerà un luogo per il relax, per l'interazione, per l'intrattenimento e la meditazione. E allo stesso tempo essere la più pura macchina 'da guidare', consentendo ai clienti di sperimentare nuovi aspetti della dinamica di pilotaggio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ferrari 250 GT Europa Vignale vince Concours Élégance Suisse

Gioiello del 1953 ora di proprietà dell'americano Kevin Cogan

Motori Attualità
Chiudi Ferrari 250 GT Europa Vignale vince Concours Élégance Suisse (ANSA) Ferrari 250 GT Europa Vignale vince Concours Élégance Suisse

E' la Ferrari 250 GT Europa carrozzata Vignale, classe 1953, l'auto 'Best of Show' alla quarta edizione del Concours d'Élégance Suisse (CES) che si è svolto lo scorso week end nella prestigiosa location del Castello di Coppet alle porte di Ginevra. A questa splendida Ferrari - che era stata lanciata nel 1953 al Salone di Parigi - è andato anche il Prix d'Exception assegnato dal presidente della giuria Achim Anscheidt, direttore del design di Bugatti. Questa edizione del Concours, che ha visto anche una grande affluenza di pubblico (oltre 3.000 visitatori paganti) è stata l'occasione - sottolineano gli organizzatori - per far 'uscire allo scoperto' le grandi collezioni svizzere, con più della metà dei premi e dei trofei che sono stati attribuiti a gioielli di appassionati residenti della Confederazione. E' il caso della Delahaye 135 cabriolet 1938 carrozzata Tuescher , prima nella Classe 'Delahaye, 125 Anni di Eleganza e Sportività', o ancora della Bugatti Type 57 C Stelvio del 1938 vincitrice della Classe '110 Anni della Marca, Eleganza Sportiva'. In occasione del Centenario della Bentley un premio è andato alla Mark VI Cresta II 1951 carrozzata in Francia da Facel Metallon, (classe 'Bentley dal 1919, Le Auto da Crewe') mentre la 8 litri Drop Head Coupe Thrupp & Maberly del 1932 ha vinto la Classe 'Bentley, dal 1919, Da Cricklewood a Derby'.

La celebrazione dei 100 anni di Citroen ha visto primeggiare una splendida DS19 M décapotable del 1965. Doppio riconoscimento anche per la Hispano Suiza K6 cabriolet 1935 carrozzata Brandone (seconda assoluta alle spalle della Ferrari Vignale di proprietà Kevin Cogan e prima nella sua Classe) e premio speciale 'Best of Sound BOSE' per la Ferrari GT 250 Berlinetta classe 1961 appartenente alla elvetica Collection Modena Cars. Appuntamento alla quinta edizione dal 19 al 21 giugno del 2020.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Un sito della Nasa hackerato con un computer per bambini

Rubati i dati del rover Curiosity, al lavoro su Marte

Scienza & Tecnica Tecnologie
Chiudi Il piccolo computer Raspberry Pi (fonte: Pexels) (ANSA) Il piccolo computer Raspberry Pi (fonte: Pexels)

Cyberattacco al sito del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa con un mini computer da 35 dollari, il Raspberry Pi, progettato nel 2012 per i bambini e con le dimensioni di una carta di credito. L'hacker è riuscito a rubare circa 500 megabyte di dati, inclusi due file della missione Mars Science Laboratory, che gestisce il rover Curiosity su Marte.

L'episodio risale al 2018, è stato scoperto solo dopo alcuni mesi e ora è in corso un'indagine per scoprire l'autore dell'attacco informatico. Quest'ultimo, secondo il rapporto dell'ufficio dell'Ispettore generale della Nasa pubblicato il 18 giugno 2019, è avvenuto a seguito del mancato aggiornamento del sistema che controlla i dispositivi che hanno accesso alla rete. In risposta all'attacco, secondo il rapporto, il Jpl "ha installato sistemi di monitoraggio aggiuntivi e sta riesaminando gli accordi di accesso alla rete con i suoi partner esterni".

L'hacker, spiega il sito Techxplore, "ha usato il piccolo dispositivo che si collega a televisori domestici e viene utilizzato principalmente per promuovere l'informatica nei Paesi in via di sviluppo". Oltre ai file della missione su Marte, sono state sottratte informazioni relative al regolamento internazionale sul traffico di armi che limitano l'esportazione delle tecnologie militari e di difesa statunitensi.

L'aspetto ancora più importante, secondo il rapporto, "è che il pirata informatico è riuscito ad accedere con successo a due delle tre reti Jpl primarie". I funzionari della Nasa sono preoccupati che i pirati informatici possano "accedere ai sistemi delle missioni, con il rischio di inviare segnali negativi alle missioni di volo spaziali umane che utilizzano tali sistemi". Per questo la Nasa sta controllando l'integrità dei dati relativi alla Deep Space Network, ossia la rete internazionale di radiotelescopi, che svolge attività di supporto alle missioni interplanetarie "e - sottolinea il rapporto - per precauzione ha temporaneamente disconnesso diversi sistemi relativi al volo spaziale dalla rete Jpl".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Immatricolazioni veicoli commerciali +8,5% a maggio in Europa

Secondo i dati dell'Acea. E' il quinto mese consecutivo di crescita

Motori Industria
Chiudi Immatricolazioni veicoli commerciali +8,5% a maggio in Europa (ANSA) Immatricolazioni veicoli commerciali +8,5% a maggio in Europa

Le immatricolazioni di veicoli commerciali continuano a crescere a maggio. Secondo i dati dell'Acea, l'associazione dei costruttori auto, sono aumentate dell'8,5%. E' il quinto mese consecutivo di crescita. La domanda è stata sostenuta in tutti i segmenti, con truck e bus che hanno registrato gli incrementi più alti. I cinque maggiori mercati hanno contribuito al risultato positivo: Germania (+24,7%) e Francia (+12,6%) presentano i più alti tassi di crescita.
    Nei cinque mesi le vendite di veicoli commerciali sono aumentate del 6,5% raggiungendo un totale di 1,1 milioni. La Germania registra un incremento del 14.7%, seguita da Regno Unito (+7,9%), Francia (+7,7%), Italia (+3,9%) e Spagna (+3,3%).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Scompenso cardiaco non va in vacanza, i consigli degli esperti

Attenzione alle terapie e medico famiglia riferimento d'estate

Salute & Benessere Sanità
Chiudi I consigli dei cardiologi per l'estate (ANSA) I consigli dei cardiologi per l'estate

   In estate, malattie come lo scompenso cardiaco non vanno in vacanza. Come per ogni patologia cronica, il quadro clinico dello scompenso può infatti diventare più critico durante i mesi estivi, per le prolungate ondate di calore che mettono a dura prova il fisico di pazienti spesso fragili e anziani. In Italia questa patologia interessa circa un milione di persone e fa registrare, ogni anno, 190.000 ospedalizzazioni, oltre 520 al giorno. Per sensibilizzare sul tema è nata la Campagna "Ogni Cuore Conta. Soprattutto il tuo", promossa da Novartis in partnership con l'Associazione Italiana Scompensati Cardiaci (Aisc) e il patrocinio di quattro Società Scientifiche (Società Italiana di Cardiologia - Sic, Società Italiana di Gerontologia e Geriatria - Sigg, Società di Medicina Generale - Simg, Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti - Fadoi). Con l'arrivo del caldo, gli esperti vogliono attirare l'attenzione di pazienti e care-giver sui sintomi e L'aderenza alle terapie. "Nei mesi estivi- precisa il professor Claudio Pedone, Direttore Scuola di Specializzazione in Geriatria del Campus Bio Medico di Roma- un aspetto particolarmente critico riguarda la terapia. Sappiamo che i pazienti con scompenso sono trattati anche con diuretici, ma d'estate il caldo può provocare un'importante perdita di liquidi, oltre a un abbassamento della pressione. Puo' essere necessario ritoccare il dosaggio invernale. Ma mai agire in autonomia, rivolgersi sempre al medico curante, possibilmente all'inizio della stagione calda o quando iniziano a diventare evidenti sintomi, debolezza e capogiri, che possono essere correlati ad un dosaggio non più corretto. Oggi abbiamo a disposizione farmaci davvero efficaci per il trattamento precoce dello scompenso, ma l'efficacia dipende dall'aderenza alle terapie, ed è noto che d'estate questa tende a ridursi". Per i pazienti che restano in città, il riferimento è il medico di famiglia. "Non è raro - spiega il dottor Enzo Nunnari, Direttivo provinciale di Roma Simg- che anziani soli, o lasciati soli d'estate, bevano poco, si alimentino non correttamente o non prendano medicine. Noi medici di base siamo chiamati a tenere sotto controllo i pazienti più a rischio". Da giugno partono, nell'ambito della Campagna "Ogni Cuore Conta", una serie di incontri medico-paziente in 15 Centri in Italia. Sara' realizzato un leaflet per imparare a riconoscere i sintomi e a non sottovalutare i rischi e sulla pagina Facebook AscoltailTuoBattitoITA si trovano tante informazioni. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Milano-Cortina 2026, sarà attrazione turistica per Usa e Cina

Palmucci (Enit), lavoreremo per sostenibilità

ViaggiArt Evasioni
Chiudi Cortina (ANSA) Cortina

CORTINA - "Questa vittoria è un efficace strumento di promozione verso i mercati lontani ad alto livello di consumo (dagli Usa alla Cina) che trova nei giochi olimpici invernali un motivo per dire 'io c'ero'. Le località montane, dopo quelle marine e di interesse storico artistico in testa, coprono una quota sempre più significativa della domanda turistica internazionale". Così il presidente di Enit-Agenzia Nazionale del Turismo, Giorgio Palmucci, commenta la notizia dell'Italia sede delle Olimpiadi invernali 2026 e sottolinea i risvolti positivi dell'evento sull'intera filiera turistica montana.
    Nel 2018 stando all'Ufficio Studi Enit, la vacanza in montagna ha totalizzato 3,4 milioni di visitatori stranieri che rappresentano il 3,7% dei turisti su oltre 94 milioni di viaggiatori complessivi. In crescita anche i pernottamenti, pari a 14,8 milioni (+14% sul 2017).
    I turisti stranieri in vacanza in montagna sono invogliati a spendere, quasi 1,6 miliardi gli euro investiti: dei 41,7 miliardi di euro spesi dagli stranieri in Italia nel 2018, il 3,8% è stato destinato alla vacanza in montagna (nel 2017 la quota percentuale era del 3,6%), con un incremento del +12% circa rispetto al 2017.
    Cortina poi è tra le mete preferite del turismo active con oltre 112mila visitatori nel 2018 (+41,3% sul 2017) per introiti pari a 80 milioni di euro (+38,3%). "Proprio per supportare la commercializzazione del prodotto montano, Enit ha già in programma in autunno un workshop specializzato per gli operatori della montagna. I Giochi racchiudono anche un eccezionale valore di sostenibilità del turismo perchè diversificano, sia in termini di destinazione che di stagione, la domanda internazionale verso il Bel Paese" conclude Palmucci. Il presidente Enit si è detto "orgoglioso dell'Italia. Il nostro Paese ha dimostrato che il gioco di squadra è premiante e regala nuove sfide da affrontare, un'iniezione di energia per promuovere, attraverso un appuntamento sportivo di prestigio, l'Italia turistica nel mondo. E' un'occasione per mantenere alta l'attrattività verso i nostri mercati di prossimità rinnovando i momenti di viaggio con nuove motivazioni legate al turismo active, sia sportivo che naturalistico".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Qooder consegna mezzo alla Croce Rossa per i suoi 100 anni

La cerimonia al Red Cross Camp di Solferino

Motori Attualità
Chiudi Qooder consegna mezzo alla Croce Rossa per i suoi 100 anni (ANSA) Qooder consegna mezzo alla Croce Rossa per i suoi 100 anni

Al Red Cross Camp di Solferino, in provincia di Mantova, è stato consegnato un Qooder alla Croce Rossa italiana, in occasione del 100/o anniversario della Fondazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

Alla cerimonia di consegna erano presenti Paolo Gagliardo, ceo di Quadro Vehicles; Francesco Rocca, presidente della Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa; Paolo Monorchio, presidente Comitato Croce Rossa di Napoli. Il mezzo è dotato del sistema brevettato HTS Hydraulic Tilting System, che gli consente di inclinarsi come una moto a 2 ruote ma di mantenersi aderente all'asfalto, grazie alle sue 4 ruote da 14 pollici.

Contraddistinto dalla classica livrea della Croce Rossa, tra le dotazioni specifiche si segnalano il bauletto per il trasporto del 'kit di primo soccorso', sirene, lampeggianti direzionali a LED, faro lampeggiante LED di colore blu su asta estensibile manualmente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Maserati Everywhere, città sempre aperte anche con i blocchi

Leasing che tutela libertà movimento, compresa restituzione auto

Motori Guida agli Acquisti
Chiudi Maserati Everywhere, città sempre aperte anche con i blocchi (ANSA) Maserati Everywhere, città sempre aperte anche con i blocchi

Arriva nel mondo premium, la prima formula di leasing che protegge dai potenziali blocchi alla circolazione per i modelli con motori termici e che addirittura mette a disposizione - come alternativa in caso di stop di almeno 5 giorni lavorativi consecutivi - il taxi o il noleggio con conducente. Lo ha fatto Maserati che, insieme a FCA Bank, lancia ora Everywhere, un innovativo leasing che tutela i clienti della Casa del Tridente in caso di blocchi alla circolazione legati al tipo di alimentazione.

Maserati Everywhere, si legge nella nota dell'azienda, è la soluzione innovativa che ben si adatta alle nuove esigenze di mobilità nelle città, dalle più piccole alle più grandi, perché consente agli automobilisti la massima libertà di movimento, proteggendo, al tempo stesso, il valore di una scelta finanziaria importante.

Maserati Everywhere è la soluzione finanziaria di mobilità, unica sul mercato italiano, in grado di coniugare i vantaggi del leasing ad un sistema di coperture completo in caso di blocchi alla circolazione dei veicoli, di breve o lunga durata, imposti nella Provincia o nel Comune di residenza o luogo di lavoro del cliente.

Con Maserati Everywhere, il cliente, in caso di blocchi alla circolazione di almeno 60 giorni complessivi in un anno, potrà restituire anticipatamente la sua auto, senza dover corrispondere ulteriori canoni mensili e senza alcuna penale.

Inoltre, il prodotto offre una copertura assicurativa che prevede il rimborso delle spese di mobilità con mezzi alternativi, quali taxi e noleggio con conducente, in conseguenza a blocchi di almeno 5 giorni lavorativi consecutivi.

La soluzione Maserati Everywhere sarà inclusa nei contratti di leasing sottoscritti per l'intera gamma della Casa del Tridente, senza alcun costo aggiuntivo, fino al prossimo 31 dicembre, salvo approvazione della Banca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Stradeanas.it potenzia l'informazione per i viaggiatori

Aggiornamenti quotidiani su lavori in corso e su ordinanze

Motori Attualità
Chiudi Stradeanas.it potenzia l'informazione per i viaggiatori (ANSA) Stradeanas.it potenzia l'informazione per i viaggiatori

Anas ha potenziato la comunicazione web verso i propri utenti e stakeholder al fine di aumentare le qualità dei servizi offerti. Due - secondo quanto rende noto la società del Gruppo FS Italiane - le novità. La sezione "Lavori in corso", aggiornata con cadenza quotidiana, riporta tutte le informazioni con gli "stati di avanzamento lavori" nonché gli impegni contrattuali previsti per la conclusione delle opere. L'obiettivo è quello di fornire informazioni georeferenziate e più dettagliate sui cantieri in corso sulla propria rete stradale e autostradale. La ricerca diventa più facile e intuitiva: attraverso la navigazione sulla mappa è possibile selezionare la Regione e il singolo intervento visualizzando tutte le informazioni nel dettaglio. Utilizzando la maschera dedicata, è inoltre possibile effettuare una ricerca anche attraverso il nome della tratta stradale, tipologia e titolo dell'intervento.

Nella sezione "Infoviabilità", invece, è stata aggiunta la voce "Ordinanze Web", all'interno della quale è possibile consultare tutte le ordinanze emesse a partire dal 2018.

Le ordinanze sono provvedimenti emessi dalle strutture territoriali Anas che, in relazione a interventi sulla rete, dispongono modifiche - provvisorie o permanenti - alla circolazione lungo determinati tratti della rete stradale Anas e ne informano istituzioni, enti locali e cittadini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Maker Faire 2019, possibile partecipare fino all'8 luglio

Prorogati i termini per presentare i progetti

Scienza & Tecnica Maker Faire
Chiudi Prorogati i termini per partecipare alla Maker Faire Rome 2019 (fonte: Maker Faire) (ANSA) Prorogati i termini per partecipare alla Maker Faire Rome 2019 (fonte: Maker Faire)

C'è tempo fino all'8 luglio per partecipare alla Maker Faire Rome - The European Edition, la rassegna dedicata all'innovazione e agli artigiani digitali in programma a Roma dal 18 al 20 ottobre e giunta alla settima edizioni. E' stata infatti prorogata la scadenza di tutte le proposte di Makers, Scuole, Università e Centri di Ricerca, inizialmente prevista per il 24 giugno.

Possono partecipare maker e appassionati di tecnologia, educatori, pensatori, inventori, ingegneri, autori, artisti, artigiani, designer, agricoltori, ricercatori, startupper, insomma tutti coloro che creano e stupiscono con la forza delle proprie idee. I progetti in tema di salute e disabilità presentati con la Call for Makers partecipano al premio "Make to Care", mentre quelli ispirati o orientati al mondo aerospaziale rientrano nella selezione di "Makers for Space".

Un'intera sezione della prossima Maker Faire Rome è dedicata ai beni culturali e alle tecnologie per tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale. L'area sarà animata dai progetti a tema che arriveranno e dalla presenza del Ministero per i Beni e le Attività Culturali che presenterà gli ultimi interventi di restauro di opere d'arte eseguiti utilizzando tecnologie innovative e progetti di valorizzazione realizzati con il supporto di apparati tecnologici.

La Maker Faire Rome - The European Edition è organizzata in collaborazione con partner istituzionali come Ita (Italian Trade Agency) Agenzia Ice, Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane. In particolare, il sostegno dell'Agenzia si inserisce nel quadro di un più ampio supporto del ministero dello Sviluppo Economico a iniziative in favore della competitività e dell'innovazione. Per la partecipazione delle scuole la rassegna si avvale della collaborazione con il Ministero per l'Istruzione, Universita' e Ricerca (Miur) con cui vengono realizzate le Call for Schools e Universities e l'Educational Day. Tra i partner istituzionali, la Regione Lazio che, con la Maker Faire Rome, attiverà corsi per aiutare le imprese a migliorare i propri processi produttivi grazie al supporto delle tecnologie 4.0.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Suzuki, a Sestriere un fine settimana dedicato all'avventura

Dal 28 al 30 giugno con il primo 'HAT Sestriere Adventourfest'

Motori Due Ruote
Chiudi Suzuki, a Sestriere un fine settimana dedicato all'avventura (ANSA) Suzuki, a Sestriere un fine settimana dedicato all'avventura

Un fine settimana tutto dedicato ai viaggi e alle avventure in moto quello in programma con Suzuki da venerdì 28 a domenica 30 giugno prossimi al Sestriere (Torino). Arriva infatti la prima edizione dell' 'HAT Sestriere Adventourfest', durante la quale, informa un comunicato, si potranno provare, su strada e fuoristrada, i principali modelli della gamma moto di Hamamatsu nella cornice naturale delle montagne olimpiche piemontesi.

Nato sull'onda del successo del segmento Adventure, questo evento è una kermesse dedicata ai viaggi su due ruote e in particolare ai raid più avventurosi, in tutte le loro possibili sfaccettature, con tanto spazio anche per il mondo degli accessori e dei servizi che ruotano attorno all'Adventouring.

Suzuki sarà presente con un truck e un'ampia area espositiva, dove la Casa di Hamamatsu darà a tutti i visitatori la possibilità di ammirare da vicino e di provare gratuitamente i principali modelli della sua gamma con i DemoRide.

Suzuki porterà infatti all'Adventourfest molte moto, per consentire al maggior numero possibile di appassionati di saggiare in prima persona le loro qualità. I modelli più rappresentati nel parco mezzi in prova saranno le V-Strom 650XT e 1000XT gommate con pneumatici scelti ad hoc per la manifestazione: gli Anlas Capra X. Da un punto di vista estetico, entrambe s'ispirano alla leggendaria DR-Big e si distinguono dalle versioni standard per la presenza di robusti cerchi a raggi. E poi un perfetto bilanciamento, prestazioni esaltanti e una proverbiale affidabilità. Moto che combinano comfort, manovrabilità e piacere di guida in ogni condizione, anche in coppia e a pieno carico. Nella dotazione della V-Strom 1000 XT spicca la piattaforma inerziale, il cornering ABS e la frenata combinata. Il traction control invece è presente sia sulla V-Strom 1000XT e sulla V-Strom 650XT. Con loro all'Adventourfest si potrà affrontare un test ride che si svilupperà in parte su asfalto e in parte off-road.

Per gli amanti del turismo veloce su strada saranno invece disponibili l'iconica Katana, la muscolosa GSX-S1000 e ancora le V-Strom 1000 e 650 questa volta però con pneumatici originali Bridgestone: si potrà fare una vera e propria scorpacciata di curve nel tratto che porta da Sestriere a Pragelato. Tutti i test ride potranno essere prenotati direttamente in loco nell'area allestita da Suzuki.

Accanto ai DemoRide gratuiti, l'HAT Sestriere Adventourfest propone anche varie tipologie di tour a pagamento nell'ambito della settima edizione di 'In Moto Oltre Le Nuvole'. I percorsi di quello che a tutti gli effetti è un evento nell'evento si sviluppano su oltre 700 chilometri di strade bianche ex-militari in alta quota e sono condotti da guide esperte del territorio.

Questi itinerari spettacolari potranno essere affrontati da ciascuno a bordo della propria moto on/off e per assicurarsi il posto è consigliato iscriversi anzitempo sul sito al link iscrizioni, dove si trovano anche tutte le informazioni circa i costi e i tratti affrontati.

Gli esemplari di V-Strom 650XT e 1000XT disponibili per le prove saranno quelli con gomme tassellate Anlas Capra X in forza alla V-Strom Academy. La scuola organizzata da Suzuki propone un ampio assortimento di corsi che accompagnano tutti i motociclisti in un percorso di crescita, utile ad affinare le loro capacità di guida anche in ottica Adventouring. E da quest'anno la V-Strom Academy propone anche la formula Adven-tour, veri e propri viaggi che portano nell'arco di un weekend alla scoperta dei territori tra la Pianura Padana e l'Appennino Settentrionale. A settembre sono in programma le ultime date per tutte le tipologie di corso: sabato 14 si terrà un corso base, domenica 15 uno avanzato e nel weekend successivo del 21 e 22 sarà invece la volta di un Adven-tour.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Un piccolo asteroide esploso nell'atmosfera, i frammenti nell'oceano

Il 'lampo' fra le nubi su Porto Rico, fotografato da un satellite meteo

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi L'esplosione del piccolo asteroide nell'atmosfera, fotografata dal satellite (fonte: Dwayne Free of goskysentinel.com, animazione di Frankie Lucerna) (ANSA) L'esplosione del piccolo asteroide nell'atmosfera, fotografata dal satellite (fonte: Dwayne Free of goskysentinel.com, animazione di Frankie Lucerna)

Un piccolo asteroide è esploso nel cielo a Sud di Porto Rico e il suo 'lampo' che appare fra le nuvole è stato fotografato dal satellite meteorologico Goes-16 dell'agenzia americana per l'atmosfera e gli oceani (Noaa). L'evento risale al 22 giugno, ma le immagini sono disponibili solo adesso, e la potenza dell'esplosione è stata calcolata fra 3 e 5 chilotoni (ossia l'equivalente di 3.000 e 5.000 tonnellate di tritolo) presso le Bermuda da una delle stazioni di sorveglianza istituite con il Trattato per la messa al bando dei test nucleari (Ctbt).

 Si calcola che i frammenti siano precipitati nell'oceano senza provocare danni. Secondo le prime analisi, condotte dall'esperto di meteore Peter Brown, dell'Università dell'Ontario Occidentale e riportata sul sito Space Weather, il segnale rilevato indicherebbe un asteroide dal diametro di pochi metri.


L'esplosione del piccolo asteroide nell'atmosfera, fotografata dal satellite (fonte: Dwayne Free of goskysentinel.com, animazione di Frankie Lucerna)

 

Secondo i dati del centro per la Nasa che studia gli asteroidi vicini alla Terra, i cosiddetti Neo (Near Earth Object), sassi cosmici di queste dimensioni esplodono nell'atmosfera in media una volta l'anno. Questo significa che l'esplosione fotografata su Porto Rico è stato un evento piuttosto raro, ma non eccezionale.

Sarà davvero molto difficile saperne di più su questo piccolo corpo celeste. I suoi frammenti, precipitati nell'oceano, non potranno infatti essere recuperati né sembra provenire dallo sciame delle Tauridi, dal quale nel 1908 era arrivato l'asteroide che ha colpito Tunguska, causando un impatto disastroso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Settimana sarcomi, dal primo al 7 luglio una campagna per conoscerli

Iniziativa dell'organizzazione britannica Sarcoma UK

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Settimana sarcomi, dall'1 al 7 luglio campagna per conoscerli (ANSA) Settimana sarcomi, dall'1 al 7 luglio campagna per conoscerli

I sarcomi non hanno confini geografici e soprattutto serve fare gioco di squadra per farli conoscere di più. Questo il significato della campagna "#PartOfIt", lanciata dall'organizzazione britannica Sarcoma UK per diffondere la conoscenza e rendere visibile questa famiglia di tumori, di cui il 75% della popolazione non sa nulla.

La campagna, lanciata in occasione della settimana di sensibilizzazione sul sarcoma (1-7 luglio) viene rilanciata e sposata in Italia dal Trust Paola Gonzato-Rete Sarcoma Onlus. In occasione della settimana si può rilanciare sul proprio profilo Facebook il logo della campagna o inviare un audio con una testimonianza sull'impatto che il sarcoma ha avuto nella propria vita ( da paziente, familiare di paziente, medico, infermiere).

Classificati come tumori rari e ultra rari, perché colpiscono circa 4.000 nuovi pazienti l'anno in Italia, i sarcomi comprendono oltre 80 diversi tipi, da quelli delle ossa a quelli delle parti molli, che includono anche i tumori del tratto gastrointestinale (GIST) e i desmoidi, forme benigne ma spesso aggressive. Possono interessare qualsiasi parte del corpo e insorgere a qualsiasi età.

"Restano tumori poco conosciuti, per la rarità e la complessità, non solo per la gente, ma anche per la maggior parte dei medici non specialisti" ricorda il Trust. I sintomi, specie all'inizio, non sono specifici e questo non facilita il sospetto diagnostico. La diagnosi corretta e tempestiva, da parte di patologi esperti, è assolutamente necessaria prima di iniziare qualsiasi trattamento, sia per l'esito sulla malattia sia per la qualità di vita. In Italia, il Trust Paola Gonzato-Rete Sarcoma Onlus è promotore del progetto Infosarcoma finalizzato allo sviluppo e alla diffusione di informazioni corrette e con linguaggio comprensibile ai pazienti con sarcoma e a chiunque abbia interesse a conoscere questo tema in modo approfondito. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

WopArt, dove la bellezza è democratica

A Lugano opere su carta da pochi spiccioli a milioni di franchi

ViaggiArt Nel Mondo
Chiudi WopArt Lugano - NDF_MORIN BARBARA MORIN MON CUR BALANCE, 201 (ANSA) WopArt Lugano - NDF_MORIN BARBARA MORIN MON CUR BALANCE, 201

LUGANO- Da Picasso a Magritte, da Leger a Chagall e Degas, e poi Fernando Botero, Alberto Giacometti, Maria Lai, accanto a talenti contemporanei, affermati o ancora poco conosciuti, in una fiera che celebra l'arte di qualità alla portata di tutte le tasche, con un'offerta che accosta opere da pochi spiccioli ad altre del valore di milioni di franchi. Si aprirà il 19 settembre al Centro Esposizioni Lugano la quarta edizione di WopArt - Work on Paper Fair, la fiera internazionale dedicata alle opere su carta fondata da Paolo Manazza e presentata questa mattina a Roma. In programma nella cittadina svizzera fino al 22 settembre, la fiera ha un approccio rivoluzionario al mercato dell'arte, avendo come obiettivo quello di diffondere la cultura dei works on paper unendo i grandi maestri agli artisti del presente: seguendo il filo conduttore della qualità, la manifestazione vuole permettere a chiunque di avvicinarsi alla bellezza, di conoscerla e perché no, magari di portarsela a casa. Per la prima volta sviluppata su un'area di 7000 mq, e con la collaborazione tecnico-organizzativa di BolognaFiere e il sostegno dell'imprenditore Alberto Rusconi, WopArt radunerà le opere su carta (ma non solo) selezionate da gallerie nazionali e internazionali, grandi e piccole, in una quattro giorni che mescola stili, linguaggi ed epoche differenti. Una proposta trasversale che abbatte le differenze culturali, divisa in 6 aree tematiche: opere dal '900 ai nostri giorni compongono Modern & Contemporary a cura di Mimmo di Marzio; i 'giganti' del passato sono protagonisti di Old Master, a cura di Marco Riccomini; Dialogues presenta artisti di generazioni e stili differenti, mentre Emergent è dedicata ai progetti delle giovani gallerie, sezioni entrambe curate da Luca Zuccalà. Infine Photography, curata da Walter Guadagnini, che porta in fiera lo sguardo dei fotografi più interessanti del panorama internazionale e Project Space, a cura di Marco Roberto Martelli, in cui nel progetto International Laser Print Show sono stampate, esposte e vendute (al costo simbolico di 5 franchi poi devoluto in beneficenza) le opere d'arte selezionate nell'ambito di spazi artistici indipendenti, no profit e gestiti da collettivi di artisti, critici e curatori. Ad arricchire il programma, accanto a eventi e talk, anche quattro interessanti mostre: "All'origine della carta: cinque papiri dal Museo Egizio di FIrenze", in cui sono esposti un papiro con domanda oracolare, un papiro con testi evangelici, un frammento di papiro dal Libro dei Morti, due frammenti di papiro figurato; "Luigi Pericle. L'alchimista pittore" che presenta un nucleo inedito di opere su carta dell'artista; "Love" di Bob Krieger con un corpus di immagini dalla collezione privata del fotografo interprete raffinato di moda, costume e società; "Gli orologi molli di Dalì", che presenta cinque fusioni in bronzo ideate dall'artista negli anni '70 e realizzate all'inizio degli anni '80. Ulteriore e interessante novità è la possibilità per ogni galleria di presentare, magari proprio accanto al bozzetto preparatorio su carta, fino a un massimo di 3 opere non cartacee, tra dipinti, sculture e oggetti. "La fiera nasce dalla consapevolezza che il mercato dell'arte sta cambiando: prima c'erano solo i grandi milionari, oggi invece sta diventando più democratico", spiega il fondatore Paolo Manazza, "presenteremo opere che vanno dai 5 ai 5 milioni di franchi, stando sempre attenti all'autenticità, alla qualità del percorso fieristico e alla logica nell'accostamento dei vari lavori: il nostro è un progetto di natura commerciale ma anche culturale, dedicato a collezionisti e non solo"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ecco gli otto momenti a casa in cui l'igiene e' ancora più importante

Ma una persona su quattro pensa che il contatto con i germi sia utile

Salute & Benessere Stili di Vita
Chiudi Il lavaggio delle mani (ANSA) Il lavaggio delle mani

  Quando si prepara e si maneggia il cibo, quando si porta fuori la spazzatura, ma anche se si assistono familiari con infezioni o si curano gli animali domestici. Sono alcuni degli otto punti o azioni in cui si dovrebbe fare particolare attenzione all'igiene individuati da un rapporto della Royal Society for Public Health britannica, secondo cui una persona su quattro non dà sufficiente importanza alla pulizia della casa.
    Per il documento sono state intervistate 2mila persone, scrivono gli autori, e il 23% ha dichiarato che i bambini hanno bisogno di essere esposti a germi pericolosi per costruire il proprio sistema immunitario. "Questa è una credenza potenzialmente pericolosa - scrivono - che può portare all'esposizione a infezioni pericolose. Le persone dovrebbero concentrarsi sulla pulizia di aree specifiche in momenti determinati, anche se sembrano pulite, per evitare che i microbi 'cattivi' si diffondano. Le altre attività sotto osservazione sono il mangiare con le mani, dopo essere stati in bagno, dopo aver starnutito e dopo aver maneggiato strofinacci e spugne sporche. In tutte queste occasioni è fondamentale lavarsi le mani, raccomandano gli esperti, mentre la pulizia delle superfici è importante quando si maneggiano gli alimenti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ucimu, serve un pacchetto strutturale per il 4.0

Il 2018 è stato un anno record per i robot ma stop nel 2019

News
Chiudi  (ANSA)

   L'Associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione chiede al governo di "abbandonare la logica dell'intermittenza e rendere immediatamente disponibile un pacchetto strutturale di provvedimenti in materia 4.0, così che le pmi possano pianificare gli investimenti a medio-lungo termine". A dirlo è il presidente dell'Ucimu, Massimo Carboniero, in occasione dell'assemblea annuale dell'Associazione.

   Nel 2018 l'industria italiana costruttrice di macchine utensile ha registrato i risultati migliori di sempre, ma nel 2019 è prevista una battuta d'arresto. Lo scorso anno la produzione di macchine utensili, robot e automazione si è attestata a 6,77 miliardi segnando una crescita dell'11,3% rispetto al 2017. Il risultato è stato determinato sia dal positivo andamento delle consegne dei costruttori sul mercato interno (+15,2% annuo) salite a 3,11 miliardi, sia dall'export che si è attestato a 3,66 miliardi (+8%). Secondo Ucimu, è decisamente positivo anche il risultato del consumo che ha registrato, per il quarto anno consecutivo, un incremento a doppia cifra, attestandosi a 5,16 miliardi di euro (+15,7% sul 2017). Ma nel 2019 l'andamento dell'industria italiana di settore rimarrà pressoché "stazionario", secondo le previsioni del Centro studi & cultura di impresa dell'associazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Cnh Industrial presenta Tetra, pala alimentata a metano

Design futuristico e dotazioni da Bond car, riduce emissioni 80%

Motori Industria
Chiudi  (ANSA)

Il design è da fuoriserie del futuro e lo è anche la strumentazione di bordo, che può vantare tra gli accessori il riconoscimento facciale per l'accensione, attivabile anche a distanza con uno scanner della retina oculare, telecamere al posto dei retrovisori e un display collegato alla direzione di marcia. Ma la vera forza del Progetto Tetra è l'alimentazione a gas naturale, che ne fa il primo concept al mondo di pala caricatrice alimentata a metano, con una diminuzione complessiva di emissioni dell'80%. Realizzata da Case Construction Equipment, brand del gruppo Cnh Industrial, ha un motore sviluppato da Fpt Industrial e un design innovativo che guarda non solo allo stile ma alla funzionalità. Tra le sue caratteristiche anche le superfici vetrate, per una visione a 360 gradi, luci a led per alti livelli di visibilità e i primi pneumatici airless di grandi dimensioni, realizzati da Michelin. L'alimentazione a gas naturale consente un risparmio dal 10 al 30%. Nel caso di uso di biometano, produce il 95% in meno di CO2, il 90% in meno di biossido di azoto e il 99% in meno di particolato. In Europa, spiega Riccardo Viaggi, Secretary General Cece-Committee for European Construction Equipment, "nel settore macchine da costruzioni operano 1.200 imprese che danno lavoro a 300 mila addetti e con un fatturato di 40 miliardi l'anno". Un settore, dunque, che vede rosa, con un mercato, prosegue Viaggi in occasione della presentazione a Torino del Progetto Tetra, "che nel 2017-2018 ha avuto una crescita a livello europeo a doppia cifra". E se nel 2019 "ci si aspettava un rallentamento, il primo trimestre ha invece fatto segnare una nuova crescita a doppia cifra, con una curva dell'ottimismo che rimane alta". In questo settore l'Italia si conferma "seconda solo alla Germania - evidenzia - con imprese che sono fra le prime straniere nelle principali fiere, a cominciare dal quella di Monaco dove l'Italia era la prima fra gli espositori presenti". In questo settore si inserisce il Progetto Tetra, al momento ancora solo una concept machine che è però totalmente funzionante e guarda alle possibilità di un futuro più sostenibile, con prestazioni maggiori e costi inferiori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Germania: caldo record, introdotti limiti di velocità

Su due autostrade della Sassonia-Anhalt per il timore di blow-up

Motori Attualità
Chiudi Germania: caldo record, introdotti limiti di velocità (ANSA) Germania: caldo record, introdotti limiti di velocità

La colonnina di mercurio sfiora oggi in Germania i 38 gradi e per questa ragione sono stati introdotti limiti di velocità in due autostrade del sud della Sassonia-Anhalt. Il timore è che si verifichi il fenomeno del 'blow-up', ovvero la dilatazione delle placche di cemento per l'esposizione a temperature elevate e il rialzo dei bordi, oppure che il cemento dia luogo a crepe pericolose. Per evitare rischi alla circolazione, il Land ha deciso che sulle autostrade A9 e A38, in direzione della Baviera e vicino a Lipsia, il limite di velocità sia di 100 e 120 chilometri all'ora. Di norma sulle autostrade tedesche, tranne in punti particolari, non ci sono limiti di velocità per le auto. Mercoledì è prevista un'ulteriore impennata delle temperature che arriveranno a sfiorare i 40 gradi, riferiscono i metereologi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Auto e viaggi estivi: tutti al mare ma senza mai sbagliare

Niente ciabatte e ben idratati. Senza acqua come 1,5 litri vino

Motori Sicurezza
Chiudi Auto e viaggi estivi: tutti al mare ma senza mai sbagliare (ANSA) Auto e viaggi estivi: tutti al mare ma senza mai sbagliare

Puntualmente, con l'arrivo del grande caldo e della possibilità di godere di qualche giorno di vacanza al mare, ritornano i problemi della guida nelle condizioni estive più 'critiche' e del diverso rapporto del conducente con la propria auto in questo momento di ricerca della libertà. I rischi - sottolinea uno studio realizzato da Seat, la marca spagnola del Gruppo Volkswagen - sono molti e arrivano da fattori troppo spesso trascurati. D'estate l'auto diventa frequentemente un luogo dove si compiono gesti azzardati o 'leggerezze' che possono essere origine di incidenti anche mortali. E' il caso della disidratazione del guidatore, tanto più rapida quando dalla spiaggia si entra in una vettura con temperatura interna oltre i 40. Uno studio condotto dalla Loughborough University (Regno Unito) e dall'Istituto Europeo di Idratazione - riferisce Seat - evidenzia che un conducente disidratato commette gli stessi errori di chi ha bevuto 8 bicchieri di vino, cioè 1,5 litri. Meglio quindi bere acqua prima di partire e durante il viaggio ad intervalli regolari, magari avvolgendo la bottiglietta con carta da cucina inumidita e poi con pellicola di alluminio (la lenta evaporazione di questa acqua esterna raffredda quella nella plastica). Prima di accendere il climatizzatore, rientrando in auto, è utile (lo afferma anche il Centro Tecnico Seat che ha condotto accurati test) aprire porte e finestrini per almeno un minuto in modo da ricambiare l'aria all'interno.

Mai guidare in costume da bagno o con top e canottiere che lasciano la pelle a contatto con le cinture di sicurezza, un comportamento errato che si ritrova - secondo l'European Automobile Commission Foundation - nel 25% dei guidatori estivi.

Non c'è solo il rischio di sfregamenti della cintura di sicurezza sull'epidermide, ma sussiste anche il pericolo di danni più gravi in caso di incidente e di 'tensionamento' del dispositivo. Guai a guidare con il gomito fuori dal finestrino, non solo perché influisce sulla capacità di controllare il veicolo in caso di manovre d'emergenza, ma anche perché aumenta il rischio di lesioni gravi in caso di collisione. Altra postura estiva estremamente rischiosa, tipica del passeggero seduto sul sedile anteriore, è quella con i piedi allungati sul cruscotto. In caso di incidente, l'apertura dell'air bag frontale sul lato passeggero non solo non riesce a trattenere correttamente l'occupante, ma può anche causare seri danni alle gambe. Infine il problema calzature: le infradito - come in genere l'abbigliamento da spiaggia - non sono adatte alla guida.

Ciabattine in plastica e altre scarpe ideali sulla sabbia 'stridono' invece con la necessità di un controllo preciso dei pedali e in alcuni casi anche incastrarsi e ostacolare gravemente la capacità di reazione. Nella maggior parte dei Paesi europei - ricorda Seat - le infradito non sono espressamente vietate, ma guidare così o peggio a piedi nudi può portare a una multa. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Per studenti NABA Porsche 911 diventa 'tela' su cui lavorare

Premiati progetti sui 70 anni del modello e i 20 di Porsche Haus

Motori Attualità
Chiudi Per studenti NABA Porsche 911 diventa 'tela' su cui lavorare (ANSA) Per studenti NABA Porsche 911 diventa 'tela' su cui lavorare

Per il terzo anno consecutivo la milanese Nuova Accademia Belle Arti (NABA) e Porsche Haus, azienda cui fanno capo le concessionarie Centro Porsche Milano Est e Milano Nord oltre al Porsche Studio di via Spiga, hanno dato vita ad un workshop per interpretare graficamente un tema di attualità utilizzando come supporto la carrozzeria delle auto di Zuffenhausen.

Nella prima edizione gli studenti avevano lavorato sulle 'Storie di Milano' - riportando sulle forme della 718 immagini dei luoghi e delle tradizioni più conosciute del capoluogo lombardo - e nella seconda si erano impegnati sul tema Green Future, interpretando graficamente sulla superficie di una Panamera e-Hybrid Sport Turismo alcuni dei più urgenti temi ambientali. Per il 2019 il workshop si è espresso invece all'insegna di due celebrazioni importanti, i 70 anni della 911 - vera Timeless Machine - e i 20 anni di attività nella città di Milano di Porsche Haus.

Su quest'ultimo tema, gli studenti del Triennio in Graphic Design e Art Direction NABA hanno avuto il compito di esaltare la passione milanese per il marchio così ben interpretata e sostenuta da Porsche Haus in due decenni realizzando un simbolo che verrà riportato su una 991 Speedster, prodotta dal reparto Exclusive Manufaktur in collaborazione con l'Architetto e Designer Luca Trazzi.

Molto interessante, con notevoli spunti di valore storico e stilistico, è stata anche la celebrazione della 911, il modello in assoluto più iconico di Porsche. Tra le numerose interpretazioni sul tema 911 Timeless Machine è stata selezionata e premiata - nel corso della cerimonia di premiazione che si è tenuta ieri presso la sede del NABA - la livrea immaginata dal team di formato da Davide Trevisan, Elisabetta Riva, Lorenzo Rogante e Chiara Versaico. Francesca Ferro e Fabiola Fraula sono invece i vincitori della parte del workshop dedicato al logo celebrativo dei 20 anni di Porsche Haus, da applicare sulla Speedster.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo