Esaurita sul Web in poche ore l'Aprilia RSV4 X

Serie speciale monta V4 1100 da 225 Cv preparato dal team racing

Motori Due Ruote
Chiudi Esaurita sul Web in poche ore l'Aprilia RSV4 X (ANSA) Esaurita sul Web in poche ore l'Aprilia RSV4 X

Sono bastate poche ore per vendere tramite Internet tutte e dieci le Aprilia RSV4 X da 225 Cv prodotte per celebrare la prima decade del modello. Realizzata dal team racing della Casa di Noale, svelata lo scorso 23 marzo all'autodromo del Mugello in occasione dell'evento All Stars organizzato dal brand veneto del gruppo Piaggio, l'ultima nata rappresenta la punta di diamante nello sviluppo del progetto RSV4. Destinata all'utilizzo in pista, costruita utilizzando come base la 1100 Factory, questa serie celebrativa da 225 Cv è andata letteralmente a ruba sul sito factoryworks.aprilia.com, nonostante il prezzo di 39.900 euro. Tra le sue caratteristiche salienti spiccano oltre all'elevata potenza del motore anche l'estrema leggerezza: sulla bilancia la moto fa segnare appena 165 kg a secco. Un traguardo raggiunto impiegando, tra l'altro, una carenatura in fibra di carbonio e un serbatoio alleggerito. Riconoscibile per le grafiche ispirate alla RS-GP che corre nella MotoGP 2019, la RSV4 X sfoggia numerose componenti in alluminio ricavato dal pieno, tra cui leva frizione, protezioni leva freno anteriore e carter motore, pedane regolabili e piastra superiore di sterzo. Di ispirazione sportiva la pulsantiera per la regolazione dei principali controlli elettronici. I cerchi in magnesio forgiato che calzano pneumatici Pirelli 'slick' sono firmati dalla Marchesini. Questo gioiello a due ruote porta al debutto come prime mondiali per un modello destinato alla vendita al pubblico l'Aprilia No Neutral e le pinze freno Brembo ricavate dal pieno.

Il primo, chiariscono gli ingegneri veneti, è ''il cambio con la folle posizionata sotto la prima marcia che velocizza i passaggi marcia dal primo al secondo rapporto, evitando errori in scalata. Una soluzione derivata direttamente dall'esperienza in SBK e in MotoGP''. Le pinze GP4-MS della Brembo, spiegano, ''agiscono su una coppia di dischi in acciaio con tecnologia T-Drive e sono comandate da una pompa radiale da 19x16 ricavata dal pieno''.

Preparato da Aprilia Racing, il motore V4 di 1100 cc è stato assemblato a mano, con la medesima tecnica seguita per i propulsori impegnati nelle competizioni. Prevede un sistema di distribuzione ampiamente rivisto, con specifiche molle di richiamo valvole e relativi piattelli, oltre a inediti bicchierini bombati, soluzioni che hanno permesso di montare alberi di derivazione SBK. La mappatura della centralina è stata elaborata espressamente per la X. Tutte modifiche che, insieme all'adozione di un impianto di scarico Akrapovic con collettori in titanio, terminale in carbonio e filtro dell'aria sostituito con un elemento 'sprint filter', hanno permesso di innalzare da 217 Cv sino a 225 Cv la potenza effettiva.

La X, ricordano dall'azienda ''rientra nel programma Factory Works varato da Aprilia Racing: unico al mondo, rende disponibile la stessa tecnologia sviluppata per la RSV4, sette volte campione del mondo Superbike, a coloro che intendano competere ai massimi livelli nei campionati delle derivate di serie o che desiderino avere una moto dalle performance ottimizzate per l'uso in circuito. I dieci fortunati acquirenti ritireranno il loro esemplare direttamente presso Aprilia Racing, il reparto corse di Noale che aprirà loro le porte in esclusiva assoluta''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Tesla chiude il trimestre con una perdita di 702 milioni dollari

Consegne calate del 31%, tra gennaio e marzo -4,1 dollari per azione

Motori Industria
Chiudi Tesla chiude il trimestre con una perdita di 702 milioni dollari (ANSA) Tesla chiude il trimestre con una perdita di 702 milioni dollari

Tesla ha chiuso il primo trimestre con una perdita netta di 702,1 milioni di dollari. La società ha perso 4,10 dollari per azione tra gennaio e marzo, mentre le consegne sono calate del 31%.

    L'azienda di Elon Musk ha chiuso il periodo con 2,2 miliardi di dollari in cash, ossia 1,5 miliardi di dollari meno della fine dello scorso anno.

    Tesla attribuisce questo caso al pagamento di 920 milioni di bond e ad un aumento del numero di auto in transito verso i clienti alla fine del trimestre, posticipando quindi i ricavi.

    La compagnia ha perso oltre 6 miliardi da quando ha tentato di rivoluzionare il mercato dell'auto 15 anni fa.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Trovati gli interruttori della buonanotte

La loro mappa 3D apre a future cure contro i disturbi del sonno

Scienza & Tecnica Biotech
Chiudi Sulla destra la rappresentazione grafica dei recettori della melatonina (fonte: Yekaterina Kadyshevskaya, Bridge Institute at USC Michelson Center for Convergent Bioscience) (ANSA) Sulla destra la rappresentazione grafica dei recettori della melatonina (fonte: Yekaterina Kadyshevskaya, Bridge Institute at USC Michelson Center for Convergent Bioscience)

Gli interruttori della "buonanotte", che assicurano un buon sonno, sono stati per la prima volta trovati e mappati in 3D: si tratta di due recettori della melatonina, la cui struttura non era mai stata osservata prima, e che ora potranno aprire la strada a nuove terapie e a farmaci più efficaci e sicuri per i disturbi del sonno e non solo. La ricerca, pubblicata sulla rivista Nature, è frutto di una collaborazione internazionale guidata dall'Università della California Meridionale (Usc) e getta finalmente luce sui meccanismi che regolano l'orologio biologico.

"Lo studio è un lavoro di grande importanza", commenta all'ANSA Tullio Pozzan, direttore del dipartimento di Scienze Biomediche del Cnr. "In pratica - aggiunge - i ricercatori sono riusciti a isolare e purificare queste proteine estremamente complesse, MT1 e MT2, e questo permetterà di realizzare farmaci migliori, molto più specifici e selettivi e quindi con meno effetti collaterali". La melatonina, l'ormone che regola i ritmi di sonno e veglia, è prodotta da una struttura collocata al centro del cervello, la ghiandola pineale o epifisi, ritenuta dal filosofo Cartesio addirittura la sede dell'anima.

L'orologio biologico, però, non è sempre perfettamente sincronizzato: viaggiare attraverso diversi fusi orari, lavorare di notte o passare molto tempo davanti allo schermo del computer possono far andare l'orologio "fuori tempo", portando a diversi disturbi psichiatrici e metabolici e anche a tumori. "Questo studio sarà sicuramente utile per nuove cure legate ai disturbi del sonno - prosegue Pozzan - mentre per altre malattie come tumori e diabete di tipo 2 gli effetti sono ancora molto discussi, la letteratura scientifica in merito è vastissima".

I ricercatori, guidati da Linda Johansson e Benjamin Stauch, sono riusciti a ricostruire le strutture dei recettori MT1 e MT2 grazie al laser a raggi X dello Slac National Accelerator Laboratory negli Stati Uniti. La tecnica ha permesso di ottenere centinaia di migliaia di immagini di molecole e atomi in movimento, che messe insieme hanno ricreato la struttura dei due recettori in 3D.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Misurato sotto il Gran Sasso il processo più raro dell’universo

Aiuterà a capire la natura dei neutrini

Scienza & Tecnica Fisica & Matematica
Chiudi Particolare dell'esperimento Xenon1T, dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’Infn (fonte: XENON1T) (ANSA) Particolare dell'esperimento Xenon1T, dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’Infn (fonte: XENON1T)

Misurato il processo più raro dell’universo: avviene all’incirca una volta ogni mille miliardi di vite del cosmo. Nei Laboratori Nazionali del Gran Sasso (Lngs) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) l’esperimento Xenon1T, a caccia della materia oscura, ha misurato per la prima volta direttamente il processo di decadimento più raro mai osservato, quello dello xenon-124. Il risultato si è guadagnato la copertina della rivista Nature e apre la strada allo studio di altri processi rari che riguardano i neutrini.

“Si tratta di una misura inattesa ottenuta, come spesso accade nella scienza, mentre stavamo cercando altro, la materia oscura che dà forma a circa un quarto del cosmo”, ha spiegato all’ANSA il fisico Marco Selvi, responsabile nazionale Infn dell’esperimento. Questo risultato potrà fornire informazioni preziose sulla struttura dei nuclei, utili, ha chiarito Selvi, “nello studio di altri processi ancora più rari, come il cosiddetto decadimento doppio-beta senza neutrini, che ci dirà se il neutrino si comporta come la sua antiparticella, come aveva previsto Ettore Majorana quasi un secolo fa”. Un risultato quello odierno, ha aggiunto il fisico, che “permette di allargare il nostro campo di indagine, e aiutarci a esplorare il mondo dei neutrini, dalla loro natura alla loro massa, particelle importanti per l’evoluzione dell’universo”, ha chiarito.


Il raro processo osservato dai fisici dei Lngs si chiama doppia cattura elettronica. Un fenomeno, spiegano gli esperti di Xenon1T coordinati da Elena Aprile della Columbia University di New York, in cui lo xenon-124 si trasforma in tellurio-124. In pratica, ha rilevato Selvi, “due protoni di un nucleo di xenon catturano due elettroni della nuvola circostante, trasformandosi in due neutroni con l’emissione di due neutrini e di una quota fissa di energia, pari a 64.000 elettronvolt”, l’unità di misura dell’energia delle particelle.

“Il risultato - ha aggiunto Selvi - dimostra la grande sensibilità di Xenon1T, che lavora in condizioni di purezza record, riducendo al minimo la radioattività ambientale. Questo traguardo di oggi - ha concluso Selvi - ci dice che siamo sulla strada giusta. E ci fa ben sperare per la futura caccia alle particelle di materia oscura con il fratello maggiore di Xenon1T, che sarà pronto alla fine del 2019 e lavorerà con una sensibilità 10 volte maggiore”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Targa Florio compie 103 anni, dalla storia al futuro

Dal 9 all'11 maggio, start a Palermo e arrivo a Termini Imerese

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

La Targa Florio numero 103 è pronta a continuare la storia della corsa automobilistica più antica del mondo, nuovamente con un appuntamento sportivo che si fa in quattro. Gli organizzatori dell'Automobile Club Palermo ed Automobile Club d'Italia sono al lavoro sui particolari della competizione che nei giorni 9, 10 e 11 maggio sarà terzo round di Campionato Italiano Rally, Campionato Italiano Rally Autostoriche, 2° appuntamento del Campionato Rally di 8^ Zona e 2° del Campionato Italiano Regolarità a Media. Le iscrizioni sono in corso e si chiuderanno alle 20 di venerdì 3 maggio.

La Targa Florio vive e guarda al futuro come sua intramontabile prerogativa. L'edizione numero 103 ricca di novità ma densa di conferme. "Anche quest'anno - dichiara il presidente dell'Automobile Club Palermo Angelo Pizzuto - siamo pronti per offrire a tutti i tifosi ed appassionati un grande spettacolo con una gara che torna a riappropriarsi dei luoghi storici in cui fu pensata''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Cassazione: sì a due ore d'aria al 41bis

A meno che non ci siano ragioni per trattamento più restrittivo

Legalità & Scuola Istruzione in carcere
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 24 APR - Sì alle due ore d'aria per i detenuti al 41 bis, a meno che non ci siamo ragioni individuali nei confronti del singolo detenuti che giustifichino un trattamento ancor più restrittivo. Lo precisa la Cassazione confermando quanto disposto dal tribunale di sorveglianza, in favore di alcuni detenuti del carcere di Sassari, e respingendo il ricorso del Casa circondariale, del Dap e del ministero della Giustizia.
    I detenuti hanno presentato reclamo contro la limitazione a una sola ora d'aria imposta dall'istituto di pena, che una circolare del Dap del 2017, ammetteva un'ora al giorno all'aria aperta e un'altra in biblioteca, invece che due ore d'aria "effettive". La legge prevede che i detenuti al 41 bis, il regime cui previsto per i mafiosi, possano stare all'aria aperta in gruppi selezionati di non più di quattro persone e per un massimo di due ore al giorno, il limite si riduce a un'ora in caso di motivi eccezionali. La circolare del Dap e il regolamento interno del carcere l'hanno invece interpretata in senso restrittivo, ponendo un limite unico giornaliero di due ore, per la permeanza all'aperto e la socialità. La prima sezione penale della Cassazione ammette che la legge in proposito "non spicca per adamantina chiarezza" ma nell'interpretazione va tenuto conto del divieto di trattamenti contrari al senso di umanità. In questo caso, spiegano i giudici, la circolare del Dap "non appare certamente idonea a rafforzare l'ordine e la sicurezza" e a prevenire "flussi comunicativi illeciti tra appartenenti alla stessa organizzazione criminale o a organizzazioni criminali contrapposte". "Quello che potrebbe accadere in due ore, potrebbe accadere anche in un'ora di permanenza all'aria", quindi a limite più pressante non corrisponde un incremento della tutela assicurata alle esigenze di ordine e sicurezza.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Veicoli commerciali, +35% Opel nel primo trimestre in Italia

Bene la gamma Vivaro, dal 2020 sarà anche elettrico

Motori Industria
Chiudi  (ANSA)
(ANSA) - ROMA, 24 APR - L'offensiva Opel nel settore dei veicoli commerciali leggeri va avanti. La casa di Rüsselsheim ha registrato quasi 33.000 vendite di van nel primo trimestre dell'anno, con un aumento del 35% rispetto allo stesso periodo del 2018. Da gennaio a marzo la quota di mercato delle immatricolazioni in Europa (E30) è cresciuta di 0,6 punti percentuali, raggiungendo il 4,7 per cento. Nell'ambito del piano aziendale PACE!, Opel si è posta l'obiettivo di aumentare le vendite di veicoli commerciali leggeri del 25% entro il 2020.

La domanda di Movano (+ 18%)e di Vivaro (+ 33%) è risultata significativamente più consistente rispetto all'anno precedente.

Ma la crescita è stata principalmente prodotta dal nuovo Opel Combo Cargo. L' 'International Van of the Year 2019' ha registrato circa 6.900 unità vendute nei primi tre mesi dell'anno, con un notevole incremento del 68% rispetto alle vendite registrate dal modello precedente nel primo trimestre del 2018.

''Stiamo crescendo su tutti i fronti nel segmento veicoli commerciali. Tutti i nostri modelli registrano vendite superiori rispetto allo scorso anno e siamo riusciti a incrementare la quota di mercato praticamente in ogni Paese europeo. Questo risultato dimostra che le nostre azioni sono efficaci. Abbiamo rafforzato le nostre attività di marketing e adesso tutti i concessionari hanno i veicoli commerciali nei loro saloni - ha dichiarato Xavier Duchemin, Managing Director Sales, Aftersales and Marketing - Anche gli ordini - la base delle future vendite - hanno registrato aumenti significativi negli ultimi mesi''. ''Il soddisfacente volume di ordini significa che il 2019 promette di essere un buon anno'', ha proseguito Duchemin. Il nuovo Vivaro sarà lanciato nel corso dell'anno, con la versione elettrica disponibile a partire dal 2020.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Luna, la Cina si prepara a costruire una base fra 10 anni

Nel 2020 il lancio della prima sonda su Marte

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi Il Polo Sud della Luna, in falsi colori (fonte: NASA/GSFC/University of Arizona) (ANSA) Il Polo Sud della Luna, in falsi colori (fonte: NASA/GSFC/University of Arizona)

La Cina ha in programma la costruzione di una stazione di ricerca scientifica nel polo Sud della Luna, con missioni di astronauti entro dieci anni. Lo ha annunciato Zhang Kejian, capo dell'agenzia spaziale cinese Cnsa (China National Space Administration), nel discorso inaugurale alla cerimonia di apertura del China's Space Day a Changsha, capoluogo della provincia di Hunan, nella Cina centrale.

Zhang ha fatto sapere che la Cina intende la sonda lunare Chang'e-5 per raccogliere e riportare sulla terra campioni di superficie lunare entro la fine del 2019. Shaoshan, città natale del defunto leader cinese Mao Zedong, sarà la sede di uno dei depositi dei campioni lunari, mentre il lancio della prima sonda su Marte è previsto nel 2020.

La Cina è parte attiva nell'esplorazione spaziale dal 24 aprile 1970, quando il razzo vettore Lunga Marcia 1 portò in orbita il primo satellite del Paese, il Dongfanghong-1. Dal 2016, la Cina ha scelto il 24 aprile come la Giornata nazionale dello Spazio. Il tema delle attività di quest'anno è "realizzare sogni spaziali per una cooperazione vantaggiosa per tutti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Fondimpresa forma lavoratori legnoarredo

Scuotto, digital trasformation cambia regole del gioco

News
Chiudi  (ANSA)

Nel 2018 Fondimpresa ha formato oltre 9 mila lavoratori del legno e arredo, coinvolgendo più di 600 aziende del settore ed erogando più di 49 mila ore di formazione. Veneto, Lombardia, Marche, Friuli Venezia Giulia e Piemonte sono le regioni più performanti e, in generale, i lavoratori coinvolti sono prevalentemente uomini (75,52%), in larga parte tra i 35-54 anni. Lo rende noto il Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil. "La digital trasformation sta cambiando le regole del gioco, introducendo nuovi modelli organizzativi e formativi fondamentali per sostenere la domanda di competenze e di nuove professionalità- afferma il presidente di Fondimpresa, Bruno Scuotto. spiegando che "il fondo intende sostenere le aziende in questa sfida complessa, puntando ad una formazione basata sulle competenze digitali". Le tematiche di maggiore interesse, lo scorso anno, sono state salute e sicurezza sul luogo di lavoro, gestione aziendale ed amministrazione, lingue ed abilità personali, informatica e marketing e vendite.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Contro i danni da sedentarietà 20 minuti al giorno di attività

Tanti ne bastano per riportare nella norma il rischio di mortalità

Salute & Benessere Stili di Vita
Chiudi Studio su 150.000 persone (ANSA) Studio su 150.000 persone

 Più si fanno lavori sedentari e più sarebbe necessario non rinunciare ad almeno 20 minuti al giorno di attività fisica moderatamente intensa. Tanti ne bastano infatti, secondo uno studio condotto su quasi 150.000 persone, per invertire il rischio collegato a stare seduti 8 ore al giorno.
    Studi precedenti hanno dimostrato che una mancanza di attività fisica aumenta il rischio di mortalità collegato a malattie cardiovascolari, respiratorie, diabete e tumori. Per capire quanto esercizio fisico sarebbe necessario per compensare tale rischio per la salute, i ricercatori dell'Università di Sydney, hanno seguito per nove anni ben 149.077 uomini e donne australiani (di 45 anni e oltre). In base all'attività svolta sono stati suddivisi in: "inattivo" (nessuna attività fisica); "insufficientemente attivo" (fino a 149 minuti); "sufficientemente attivo" (da 150 a 419) e "altamente attivo" (oltre 420).
    Secondo i risultati, pubblicati nel Journal of American College of Cardiology, sedersi per più di 6 ore al giorno è stato associato ad un aumentato rischio di morte. Tuttavia, questo effetto è stato riscontrato tra le persone che non avevano raggiunto i 150-300 minuti di attività fisica da moderata a vigorosa a settimana, equivalenti a circa 20-40 minuti al giorno in media. "Rispettare solo il limite più basso ha eliminato l'associazione con il rischio di mortalità per tutte le cause legato allo stare seduti", afferma Emmanuel Stamatakis, autore principale. Al contrario, "ridurre solo il numero di ore seduti non è sufficiente a ridurre tale rischio, se non ci si impegna anche in maggiore attività fisica". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

ComoNExt apre a startup premio Marzotto

Obiettivo è trasformare idee in azienda

News
Chiudi  (ANSA)

Per "trasformare le idee in azienda" l'incubatore ComoNExT e l'Associazione Progetto Marzotto, promotrice del premio omonimo invitano giovani imprenditori a presentare, fino al 6 maggio, un progetto originale, innovativo e attuabile, finanziariamente sostenibile e in grado di generare ritorni economici. ComoNExT apre le porte a una delle startup selezionate nell'ambito del premio Gaetano Marzotto 2019 offrendo un percorso di incubazione presso il digital innovation hub a Lomazzo. In questo modo la giovane impresa potrà maturare "in un contesto dinamico, quotidianamente a contatto con oltre 130 realtà imprenditoriali caratterizzate da una forte impronta innovativa". Il premio, spiega una nota, "vuole contribuire a creare una piattaforma dell'innovazione italiana - spiega una nota - e le condizioni ambientali per un cambio di paradigma, sostenendo la nascita di nuova impresa in Italia". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Peugeot, 2008 sul podio mercato Italia con 208 e 3008

Auto del Leone tra le più vendute nel nostro Paese 130mila unità

Motori Industria
Chiudi  (ANSA)
(ANSA) - ROMA, 24 APR - Il suv compatto 2008 Peugeot continua ad essere, assieme a 208 e 3008, tra le auto preferite dai clienti italiani. Prodotta in oltre 1.250.000 esemplari e venduta nel nostro Paese in quasi 130mila unità, si distingue per un design da suv abbinato ad una serie di contenuti tecnologici, come il grip control che aumenta la trazione ma anche di specifiche tipiche del brand del Leone, come il rivoluzionario i-Cockpit, caratteristica firma del brand capace di esaltare l'esperienza di guida e aumentare la sicurezza e il confort. Tecnologia anche per la navigazione, con la 3D Connected Navigation che analizza il traffico in tempo reale, ma anche il Mirror Screen che permette l'integrazione dello smartphone, Apple o Android che sia, nello schermo touch screen dell'auto.

Grande anche la sicurezza a bordo con l'Active City Brake (sistema di frenata automatica di emergenza), la retrocamera posteriore, il Park Assist che rende automatiche le manovre di parcheggio.

La gamma di motori comprende benzina PureTech e Diesel BlueHDi, con potenzeda 82 a 130 CV, con cambio manuale a 5 o 6 rapporti o automatico EAT6. Nuova è la combinazione tra il motore 1.5 Diesel 16v BlueHDi da 120 CV e il cambio automatico a 6 rapporti EAT6: un connubio che permette di esaltare le caratteristiche di erogazione di questo motore. Il cambio EAT6 esalta la guida anche in città e sfrutta al meglio i 300 Nm di cui è dotato il vivace motore. Tre gli allestimenti disponibili sul nostro mercato per la gamma 2008: Active, Allure e GT Line.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Optional auto, park assist e navi integrato tra i più scelti

A grande richiesta anche la compatibilità per Smartphone e ADAS

Motori Sotto la Lente
Chiudi Optional auto, park assist e navi integrato tra i pi scelti (ANSA) Optional auto, park assist e navi integrato tra i pi scelti

La scelta l'auto nuova comporta anche uno dei momenti preferiti dagli automobilisti: la ricerca degli optional. Al primo posto tra gli accessori irrinunciabili ci sono i sistemi di assistenza al parcheggio, che aiutano l'automobilista ad effettuare le manovre, evitando brutte sorprese dovute a calcoli mal riusciti e ad ostacoli troppo vicini: ben il 29% di chi intende comprare l'auto nuova li inserisce nel preventivo. È quanto emerge da un'indagine condotta dal portale DriveK che ha voluto scoprire quali sono gli optional preferiti dagli automobilisti italiani in fase di scelta dell'auto.

Dall'analisi di oltre duemila richieste di preventivi arrivate al portale negli ultimi 3 mesi si scopre, inoltre, che gli italiani preferiscono farsi guidare anche durante la marcia e non rinunciano alla comodità del navigatore integrato, che si trova al secondo posto nella classifica degli optional più richiesti in fase di scelta del veicolo: il 25% dei preventivi contempla questa richiesta. Seguono in terza posizione, richiesti dal 21% degli automobilisti, i sistemi di antifurto. È solo fuori dal podio che si trovano in classifica gli optional dedicati all'estetica e alla comodità, come le vernici metallizzate o premium, il tetto panoramico apribile, i cerchi in lega e i winter pack e gli interni in pelle, pacchetti che comprendono sedili e volante riscaldabili.

Tornando alla tecnologia, i sistemi di connessione degli smartphone Apple CarPlay e Android sono richiesti dal 13% di coloro che vorrebbero acquistare un'auto nuova; seguono a breve distanza le videocamere posteriori per la retromarcia, il climatizzatore automatico e il cruise control. Quest'ultimo, richiesto nel 10% dei casi, viene spesso abbinato a un safety pack più completo, che comprende anche il controllo del mantenimento della corsia e un sistema anti-collisione con frenata d'emergenza automatica. ''I dati emersi dall'indagine - dichiara Tommaso Carboni, Country Manager per l'Italia di MotorK, società proprietaria del portale DriveK - disegnano un ritratto piuttosto chiaro degli automobilisti che cercano un'auto nuova: la tecnologia ha ormai un ruolo preminente e nel futuro assisteremo a un incremento della richiesta di tutti quegli optional come i cosiddetti ADAS, che garantiscono una combinazione di sicurezza e comfort di guida. Se non è detto che questi optional verranno effettivamente acquistati, perché possono incidere in maniera determinante sul prezzo finale - la scelta degli optional pesa solitamente circa il 15% del costo dell'auto - la tendenza in atto vede le case produttrici assimilare nell'assetto di serie moltissimi di questi accessori, ormai indispensabili per una guida piacevole e sicura''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Frutta secca per dimagrire, da food trend a sana abitudine

Da NutriMI 2019 ultime evidenze scientifiche su consumi

Terra & Gusto Cibo & Salute
Chiudi . (ANSA) .

ROMA - E' tra i food trend dell'anno e può rappresentare una strategia per migliorare la qualità della dieta quotidiana di tutti. La frutta secca è una delle tipologie di prodotto 'salutistico' più citate, sia nei contesti accademici che tra i consumatori, grazie ai suoi benefici nutrizionali e alla sua densità calorica.

La frutta oleosa a guscio (per gli anglosassoni 'nuts') ha effetti positivi sulla salute umana a partire dall'azione svolta sul nostro peso corporeo. Contrariamente a quanto si pensi, infatti, alcuni studi hanno dimostrato che l'inserimento di mandorle, noci, pistacchi, arachidi, all'interno di una dieta ipocalorica può favorire la perdita di peso svolgendo un'azione di controllo sulla fame in quanto questi alimenti favoriscono un maggiore senso di sazietà e i nutrienti energetici sono meno assorbibili. Se ne è parlato durante la XIII edizione di NutriMI, l'annuale Forum di Nutrizione Pratica, al quale hanno preso parte anche Nucis Italia e la Prof.ssa Alessandra Bordoni, docente presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari dell'Università di Bologna.

La frutta secca, grazie ad alcune peculiari componenti nutritive, pur presenti in percentuali diverse a seconda della tipologia, svolge un ruolo attivo anche nella prevenzione e nella riduzione dei fattori di rischio legati ad alcune patologie specifiche, dalle malattie cardiovascolari, alla sindrome metabolica, all'ipertensione fino al metabolismo glucidico e lipidico, all'infiammazione e allo stress ossidativo.

Anche la frutta essiccata, specialmente quella ottenuta tramite il metodo tradizionale di essiccamento, presenta numerose potenzialità: non solo contiene un alto contenuto di fibra che facilita la funzione intestinale, ma rappresenta uno strumento utile al fine di raggiungere il consumo giornaliero raccomandato di frutta e verdura, le 5 porzioni al giorno, favorendo l'intake di preziosi nutrienti e riducendo di conseguenza il consumo di alimenti meno raccomandabili dal punto di vista nutrizionale.

Tutta la frutta secca quindi, sia quella oleosa a guscio sia quella essiccata, può rappresentare una strategia per migliorare la qualità della dieta quotidiana di tutti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Pesca, in arrivo regole e tutele comuni per il Lago di Garda

Schema di accordo tra Veneto, Lombardia e Provincia Trento

Terra & Gusto Dal Mare
Chiudi Lago di Garda (fonte: Pixabay) (ANSA) Lago di Garda (fonte: Pixabay)

VENEZIA - In arrivo regole e tutele uguali su tutte le sponde del Lago di Garda per i pescatori e relative cooperative di pesca. Le Regioni Veneto e Lombardia e la Provincia autonoma di Trento hanno infatti condiviso uno schema di accordo per gestire in modo unitario l'attività di pesca, il contrasto alle pratiche di frodo e la tutela del patrimonio ittico del Garda.

Su proposta dell'assessore all'agricoltura e alla pesca Giuseppe Pan, che ha avviato un dialogo interistituzionale con gli omologhi lombardo e trentino, la Giunta regionale del Veneto ha approvato uno schema di protocollo che dovrà poi essere ratificato dalle tre realtà territoriali competenti su coste e acqua dello più grande lago d'Italia.

Il protocollo d'intesa consentirà un miglioramento delle regole comuni per una gestione sostenibile e unitaria della pesca sul Garda e per la tutela della particolare biodiversità dell'ittiofauna gardesana: tinche, lavarelli, salmerini e trote di lago costituiscono infatti non solo un patrimonio di biodiversità, ma anche una importante fonte di reddito per le imprese di pesca legate alla ristorazione locale e alla commercializzazione.

"L'intesa fra le tre istituzioni che governano le sponde del Garda - commenta Pan - rappresenta un ulteriore passo per uniformare il rilascio di licenze e concessioni, coordinare il comportamento delle polizie provinciali e sostenere percorsi di innovazione e sostenibilità ambientale di tutte le diverse attività di pesca, sportive, amatoriali e commerciali. Con la condivisione di un protocollo comune sarà possibile agire in maniera congiunta contro la pesca di frodo e contro l'invasione delle specie aliene invasive come il siluro, tutelando l'ittiofauna autoctona anche attraverso la messa in rete degli incubatoi".

Lo schema di protocollo prevede anche la costituzione di un tavolo di coordinamento tra Veneto, Lombardia e Trentino che avrà il compito di elaborare e aggiornare il programma delle azioni al fine di promuovere il turismo e la sostenibilità ambientale delle attività umane nelle acque del Garda.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ancora premi per i brand FCA, con Alfa e Jeep in primo piano

Da stampa Texas riconoscimento per Giulia da Wards per Gladiator

Motori Attualità
Chiudi Ancora premi per i brand FCA, con Alfa e Jeep in primo piano (ANSA) Ancora premi per i brand FCA, con Alfa e Jeep in primo piano

Si arricchisce ancora il medagliere di FCA, con l'attribuzione negli Stati Uniti di nuovi importanti premi ai brand Jeep, Chrysler, Dodge e Alfa Romeo. In occasione del Salone di New York l'associazione dei giornalisti automotive del Texas (TAWA) ha attribuito alla Dodge Challenger il titolo di Auto dell'Anno e alla monovolume Chrysler Pacifica quello di Vettura da Famiglia dell'Anno. Importante anche il premio di Berlina ad Alte Prestazioni dell'Anno attribuito dalla giuria della TAWA all'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio. Il recentissimo pick up Jeep Gladiator è stato invece inserito nella lista dei 10 Best Interior, un titolo che viene attribuito ogni anno dall'autorevole magazine statunitense WardsAuto. ''Il nuovo Jeep Gladiator è molto più di un suv Wrangler con un cassone - ha detto Tom Murphy, direttore di WardsAuto - la seconda fila dei sedili di Gladiator è completamente nuova, è stata ridisegnata con molte opzioni di stivaggio intelligenti e con la possibilità di piegare per aumentare la capcità. E i contenitori nell'abitacolo possono essere bloccati, un dettaglio importante per chi lascia il proprio veicolo incustodito per diversi giorni''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

L'intelligenza artificiale in campo per la fusione nucleare

Per studiare le instabilità del plasma

Scienza & Tecnica Energia
Chiudi Rappresentazione artistica dell’intelligenza artificiale applicata alla fusione nucleare (fonte: Eliot Feibush/PPPL, Julian Kates-Harbeck/Harvard University) (ANSA) Rappresentazione artistica dell’intelligenza artificiale applicata alla fusione nucleare (fonte: Eliot Feibush/PPPL, Julian Kates-Harbeck/Harvard University)

L'intelligenza artificiale scende in campo per studiare la fusione nucleare. E' quanto prevede la ricerca pubblicata sulla rivista Nature e nata dalla collaborazione fra dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti e università di Princeton; l'obiettivo è studiare un metodo per prevedere le instabilità improvvise del plasma, in modo da prevenirle, evitando interruzioni nel processo di produzione di energia. Pubblicato sulla rivista Nature, il risultato potrebbe accelerare lo sviluppo della produzione di energia dalla fusione nucleare, che è una fonte pulita e virtualmente inesauribile per generare elettricità.

"Questa ricerca apre un promettente nuovo capitolo nello sforzo di produrre energia illimitata sulla Terra", ha detto Steve Cowley, dell'università di Princeton. Sono diversi i progetti e gli esperimenti che puntano a ottenere la fusione nucleare per produrre energia elettrica e fra i più importantic'è Iter (International Thermonuclear Experimental Reactor) in costruzione a Cadarache, in Francia. Si basa su una macchina chiamata Tokamak, nella quale il plasma incandescente viene isolato dalle pareti del reattore (confinamento) utilizzando intensi campi magnetici.

L'inconveniente di questa tecnologia è che possono verificarsi improvvise instabilità del plasma capaci di compromettere il confinamento, costringendo a fermare la macchina per evitare di danneggiarla. Tuttavia è possibile prevenire il problema a condizione che ci sia un tempo sufficiente di avviso. I ricercatori hanno pensato di 'arruolare' l'intelligenza artificiale per tentare l'impresa di prevedere questo fenomeno, addestrando un sistema con i dati forniti da due importanti dimostratori: il DIII-D in California, la più grande struttura degli Stati Uniti, e il Joint European Torus (JET) nel Regno Unito. Il risultato è stato soddifacente e il sistema ha fornito previsioni affidabili.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo