Coronavirus: Anima, congela investimenti ma più risparmi

Indagine, per 61% famiglie ricadute importanti su economia

(ANSA) - MILANO, 29 MAG - L'emergenza coronavirus peggiora inevitabilmente il sentiment sul futuro del paese e i timori per la recessione domestica congelano gli investimenti (il 56% degli investitori non farà nulla), ma i mesi di lockdown fanno decollare il risparmio delle famiglie italiane: oggi il 67% ha progetti di risparmio in cantiere contro il 60% di un anno fa.
    E' la fotografia sui comportamenti finanziari degli italiani che emerge dall'Osservatorio semestrale di Anima Sgr, realizzato durante il lockdown (11-18 marzo) su un campione di 1.063 persone titolari di un conto corrente bancario, di cui il 50% è anche investitore. Per il 61% dei "bancarizzati" e per il 57% degli "investitori" questa pandemia "avrà un impatto negativo importante sulla situazione economica dell'Italia anche nel medio-lungo termine, in primis per il forte calo della domanda in molti ambiti dei consumi". Inoltre, il 43% è "molto preoccupato" per i propri investimenti (da segnalare che le rilevazioni sono coincise con un periodo di particolare volatilità dei mercati finanziar). Tra i "bancarizzati" il 46% ritiene che la situazione economica e la solidità finanziaria dell'Italia si aggraveranno tra un anno (a ottobre 2019 era il 35%) e analogamente tra gli "investitori" la visione pessimistica passa dal 30% al 43%. Pandemie e malattie infettive balzano al primo posto nella scala dei rischi percepiti per la vita delle persone, seguite da recessione e disoccupazione, mentre, al quarto posto ci sono gli shock finanziari e solo al quinto i cambiamenti climatici. Ad ogni modo, rileva l'indagine, l'emergenza sanitaria ha alimentato la sensibilità verso tematiche legate alla sostenibilità sociale: nelle scelte di investimento cresce l'interesse verso i fondi Esg (Environment, Social, Governance).(ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video Economia




    Modifica consenso Cookie