• Ha un ictus dopo 5 ore di shampoo, donna fa causa a coiffeur

Ha un ictus dopo 5 ore di shampoo, donna fa causa a coiffeur

Episodio accaduto in Scozia, chiesto risarcimento da un milione

Vicenda giudiziaria ai limiti dell'incredibile a Glasgow, in Scozia, dove una donna ha fatto causa in sede civile ai titolari di un salone di bellezza dopo aver patito un ictus che lei, il marito e i loro periti attribuiscono alle conseguenze di una procedura forsennata di lavaggio e coloratura insistita dei capelli. La storia, approdata nei giorni scorsi per la prima volta in tribunale, dinanzi al quale è stato chiesto un risarcimento da un milione di sterline, è stata ripresa oggi da alcuni media britannici.

La protagonista si chiama Adele Burns, ha 47 anni, è madre di due figli e dall'aprile del 2016 non è più autosufficiente per gli effetti dell'attacco ischemico che l'ha colpita. Episodio avvenuto all'indomani d'una seduta dal parrucchiere durata quasi cinque ore nel salone Rainbow Rooms, dove a suo dire le sarebbe stato praticato un trattamento di shampoo e ricolorazione ripetuto per ben sei volte consecutive: fra strofinamenti energici, getti d'acqua e urti. Stando al suo racconto, accreditato come verosimile dal referto dei medici di parte, a causare il malore potrebbe essere stata tuttavia la compressione prolungata del suo collo con il bordo del lavandino. Un caso raro, ma non senza precedenti a livello mondiale, a credere a Jennifer Watson, avvocato dello studio Digby Brown, che si è assunto il patrocinio dell'azione legale dopo il rifiuto della Rainbow Rooms di riconoscere alcuna responsabilità. Tanto più che la donna risultava del tutto sana fino al 2016 e che nella storia genetica familiare non si sono riscontrati altri ictus. Ora la parola finale spetterà ai giudici. Di certo c'è il ricordo di Adele d'essere uscita da quella brutale sessione di 'restyling' dei capelli con un forte mal di testa. Prima del collasso che il giorno successivo le ha cambiato la vita.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA