60 bimbi a giorno nati in campi Rohingya

Madri vittime di violenze tra 800mila profughi in Bangladesh

(ANSA) - NEW YORK, 17 MAG - Nei campi profughi in Bangladesh dove vivono 800 mila rifugiati Rohingya scappati dalla Birmania nascono circa 60 bambini al giorno. Lo riferisce l'Unicef, precisando che nei nove mesi dall'inizio delle violenze contro la minoranza musulmana, a Cox's Bazar sono nati 16 mila piccoli.
    "Circa 60 bambini al giorno nascono in condizioni spaventose, lontano da casa, da madri sopravvissute a violenze, traumi e a volte stupri", ha spiegato Edouard Beigbeder, rappresentante dell'agenzia Onu per i minori in Bangladesh. "Questo è molto lontano dal miglior inizio della vita". "È impossibile conoscere il reale numero dei piccoli che sono nati o nasceranno a causa delle violenze sessuali - ha aggiunto - Ma è fondamentale che ogni madre e ogni nuovo nato ricevano tutto l'aiuto e il sostegno di cui hanno bisogno".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA