Siria: Gb, Corbyn contrario ai raid

Leader Labour condanna uso armi chimiche, ma chiede indagine Onu

(ANSA) - LONDRA, 12 APR - Il leader dell'opposizione laburista britannica Jeremy Corbyn condanna come "vergognoso" e "immorale" qualunque uso di armi chimiche in Siria, ma dice 'no' ai piani di un'azione militare immediata a guida Usa, invocando piuttosto un'indagine dell'Onu e una risposta multilaterale per fermare gli orrori del conflitto siriano. "Più bombe e più uccisioni non salveranno vite umane, ma spargeranno la guerra altrove", ammonisce Corbyn a un evento del Labour oggi a Derby.
    Il leader laburista critica poi i proclami via Twitter del presidente Donald Trump e insiste nel chiedere un dibattito parlamentare prima dell'ok a una partecipazione britannica agli attacchi Usa: ok che la premier Tory Theresa May vuole invece limitarsi a quanto pare a ottenere dal consiglio dei ministri.
    Corbyn fu in passato oppositore inflessibile della guerra in Iraq, decisa nel 2003 dall'allora premier laburista Tony Blair contro la schiacciante opposizione popolare e sulla base di accuse rivelatesi poi false sugli arsenali di Saddam.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA