• Cdp Vc: 250 milioni investimenti in start-up entro il 2020
ANSAcom

Cdp Vc: 250 milioni investimenti in start-up entro il 2020

Lanciato Fondo nazionale innovazione con un piano da un miliardo

ANSAcom

Entro la fine del 2020 raggiungeranno oltre 250 milioni di euro gli investimenti per l'innovazione e lo sviluppo economico di Cdp Venture capital-Fondo nazionale innovazione. Il consiglio di amministrazione della società di gestione del risparmio partecipata da Cdp Equity al 70% e da Invitalia ha approvato il piano industriale 2020-2022 "Dall'Italia per innovare l'Italia".
L'amministratore delegato di Cdp, Fabrizio Palermo, spiega che il Fondo nazionale innovazione, è un "tassello importante" dell'azione del gruppo. "Il fondo punta a risolvere le varie problematiche che non hanno consentito sino a oggi di sviluppare un ecosistema ampio intorno al venture capital", dice Palermo a margine della conferenza stampa di presentazione del piano. "L'obiettivo - continua l'amministratore delegato del gruppo Cdp - è mettere risorse importanti a disposizione, stiamo parlando di un miliardo, ma è solo un primo passo, e investire sia direttamente sia indirettamente".
Il fondo nazionale innovazione mira a investire, entro il 2022, in oltre mille startup, sviluppare più di 15 acceleratori di nuova generazione e formare più di 20 nuovi team di gestori.
"Più seminiamo, più probabilità di successo avremo", sottolinea il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, partecipando alla presentazione. "Fornire strumenti alle start up - dice il ministro - è un'opportunità di crescita e di innovazione per tutto il Paese". Il Ministro evidenzia il "paradosso" di una situazione di emergenza e crisi, quella che stiamo vivendo, che ha creato "un momento opportuno per investire sull'innovazione".
Negli ultimi 4 mesi, dalla nascita di Cdp Vc Sgr come evoluzione di Invitalia Ventures Sgr, la società ha deliberato investimenti per 100 milioni a favore di circa 160 start up, anche con azioni mirate in risposta all'emergenza Coronavirus.
"Stiamo mettendo in campo delle azioni post-Covid per supportare questo settore che ha forti potenzialità di crescita ma può essere anche vulnerabile nell'emergenza in corso soprattutto per difficoltà di liquidità e di trovare investimenti sostenibili nel breve periodo", sottolinea la presidente di Cdp Venture capital, Francesca Bria. "Bisogna puntare sull'opportunità di usare questa crisi per rilanciare - aggiunge Bria - e puntare su innovazione, capitale umano, occupazione di qualità soprattutto giovanile, ripartendo veramente da scienza e tecnologia".
Interventi mirati sono anche dedicati allo sviluppo dell'innovazione nel Mezzogiorno.
"L'innovazione non ha confini - dice l'amministratore delegato di Cdp venture capital, Enrico Resmini - può nascere a Trento così come a Taranto. Dobbiamo essere bravi a sostenere start-up nascenti o che si stanno sviluppando anche nel sud Italia". Per farlo, la sgr ha dedicato un fondo da 150 milioni di euro al Sud Italia che va a sostenere startup, fondi e acceleratori che lavorano nel Meridione. Inoltre saranno lanciati programmi di accelerazione specifici in alcuni settori in alcune città del Sud.
"Puntiamo - spiega Palermo - a far nascere altri soggetti che stimolino start up e innovazione, a far nascere acceleratori e incubatori su tutto il territorio e a collegare le startup da un lato con le imprese dall'altro con le università perché solo se esiste capacità di fare sistema, l'innovazione e le start up si possono tradurre in qualcosa di concreto e sostenibile".
Nei prossimi mesi Cdp Venture Capital, che ha già sottoscritto circa 800 milioni del miliardo di dotazione e ha quattro fondi attivi, lancerà due nuovi fondi da 150 milioni di euro ciascuno. Il Fondo Corporate Venture Capital, coinvolgerà direttamente alcune grandi aziende partecipate dal Gruppo Cdp e investirà direttamente nelle start up di ambiti strategici per il Paese, mentre il Fondo Tech Transfer supporterà la filiera del trasferimento tecnologico.
Nei primi mesi del 2021, è previsto, infine, il lancio del Fondo Late Stage, con una dotazione iniziale di 100 milioni di euro, e lo scopo di sostenere direttamente le start up già in fase "matura".

In collaborazione con:
CDP

Archiviato in


Modifica consenso Cookie