Mario Nava, il tecnico che viene da Bruxelles

Approda alla guida della Commissione di Borsa dopo una lunga carriera da dirigente alla Commissione Europea.

Mario Nava approda alla guida della Commissione di Borsa alla fine del 2017, dopo una lunga carriera da dirigente alla Commissione Europea. A Bruxelles Nava e' stato impegnato soprattutto sul fronte della regolamentazione e della supervisione delle istituzioni finanziarie.

L'ultimo incarico, assunto nel 2016, e' quello di direttore per la Sorveglianza del sistema finanziario e della gestione delle crisi, un ruolo chiave della vigilanza sullo stato del sistema finanziario dell'Ue e dell'Eurozona, sui sistemi finanziari nazionali e anche sulla risoluzione delle crisi bancarie. Nava e' stato indicato dal Consiglio dei ministri il 22 dicembre scorso. Il nuovo numero uno del controllore dei mercati e' dunque un tecnico a tutto tondo, che e' stato preferito ad altri candidati che avevano un profilo politico marcato (si era fatto il nome dell'economista renziano Marco Fortis).

Nava e' stato consigliere di Romano Prodi nel periodo in cui l'ex presidente del consiglio ha guidato la Commissione europea (2001-2004), e prima ancora ha fatto parte dello staff di Mario Monti negli anni in cui quest'ultimo era commissario Ue per il mercato interno. Nato a Milano nel 1966, Mario Nava si e' laureato in Economia alla Universita' Bocconi. Poi ha preso un Master preso all'Universita' Cattolica di Lovanio in Belgio ed un PhD in Finanza della London School of Economics. Accanto al suo lavoro presso la Commissione Ue e' impegnato in attivita' di ricerca e di docenza: ha insegnato alla Bocconi, a Belgrado, a Buenos Aires, a Londra, a Mosca e San Pietroburgo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who