A Genova nasce #maniintrincea

Gli infermieri dell'ospedale Galliera si fotografano le mani e le mettono nella bacheca del reparto: un messaggio di speranza e di forza

Redazione ANSA GENOVA

Tra turni estenuanti e decessi alcuni infermieri dell'ospedale Galliera di Genova, la seconda struttura in città a essere in prima linea nella lotta al Coronavirus, da qualche giorno hanno messo in atto un'idea divenuta consuetudine per darsi supporto. Si chiama #maniintrincea, è un "gioco da ufficio" che ha preso vita spontaneamente.

Gli operatori, nei rari momenti di pausa, hanno iniziato a stampare l'immagine delle proprie mani posandole sugli schermi delle fotocopiatrici, scrivendo sopra i fogli i loro nomi e alcuni messaggi di speranza. I fogli vengono affissi alla bacheca del reparto. L'idea è stata di Luigi Vallone, un infermiere di sala operatoria che, insieme a una trentina di colleghi, da settimane è stato spostato alla rianimazione.
    L'iniziativa, dalla bacheca reale è migrata a quella virtuale, dei social, diffondendosi fra gli operatori della sanità in altri ospedali cittadini. "Speriamo di vedere tante #maniintrincea che si stringono anche in altre città", dicono gli infermieri del Galliera.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie