Coronavirus, da una maglietta soldi per comprare le mascherine

L'iniziativa di un gruppo di abitanti di Casalpusterlengo, ex zona rossa. #unamagliettapercasale

Redazione ANSA

Gli abitanti di Casalpusterlengo, uno dei 10 comuni del Lodigiano dell'ex zona rossa, hanno fatto da sè. E vista difficoltà a reperire mascherine e presidi di protezione necessari per far fronte all'emergenza Coronavirus hanno promosso una iniziativa che nel giro di un paio di settimane ha dato i primi frutti. Giovedì prossimo verrà distribuita la prima partita di mascherine ai cittadini e anche tute, guanti, calzari agli operatori sanitari che assistono a casa i malati acquistati con i fondi raccolti con la vendita di #unamagliettapercasale. L'idea è venuta una decina di giorni fa a un gruppo di Casalesi che hanno fatto produrre t-shirt bianche per grandi e piccini con un disegno realizzato da un loro amico artista, Marcello Maloberti : un grande cuore, il nome della loro cittadina e la scritta 'andrà tutto bene'. Le magliette, che si possono ordinare dietro una donazione e si ritirano in un preciso negozio della cittadina, grazie anche a una campagna pubblicitaria sui 'social' sono andate a ruba, tant'è che si sta procedendo con il riassortimento: i proventi sono serviti per il primo acquisto del materiale di protezione che tra qualche giorno verrà consegnato tramite il Centro Operativo Comunale. Insomma non solo gara di solidarietà ma anche un 'fai da te' al tempo del Coronavirus.

 

Coronavirus: ex zona rossa, mascherine da fondi delle t-shirt

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie