Un'opera lirica su tema del femminicidio

Re di donne liberamente ispirata anche a dramma Avetrana

Tratta il fenomeno del femminicidio, ispirandosi a fatti di cronaca tra cui, liberamente, l'omicidio di Avetrana l'opera lirica "Re di donne" prodotta dal Teatro lirico sperimentale di Spoleto e andata in scena in prima mondiale assoluta il 6 settembre al Caio Melisso.
    Lo spettacolo che ha inaugurato la 73/a stagione del Tls è stato composto da John Palmer, su libretto suo e di Cristina Battocletti, diretto dal maestro Vittorio Parisi. La regia è di Alessio Pizzech.
    L'opera - afferma il Lirico sperimentale - ha "colpito profondamente" il pubblico in sala offendo una prospettiva del femminicidio "inconsueta e sorprendente".
    Gli interpreti vocali - Lada Boková, Marco Rencinai, Miryam Marcone e Daniela Nineva - sono tutti vincitori del concorso comunità europea per giovani cantanti lirici del Teatro lirico sperimentale. I cantanti si sono "letteralmente messi a nudo" sul palcoscenico coinvolgendo il pubblico in una narrazione televisiva di una "vicenda umana agghiacciante".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere