Gruppo Schaeffler prevede per 2021 crescita 7% fatturato

Lo scorso anno chiuso con ricavi scesi da 14,4 a 12,6 miliardi

Redazione ANSA ROMA

Nel 2020 il Gruppo tedesco Schaeffler, fornitore globale nei settori automotive e industrial ha fatto registrare per effetto delle conseguenze della pandemia un fatturato di circa 12,6 miliardi di euro, in calo rispetto all'anno precedente quando aveva raggiunto i 14,4 miliardi di euro.

Tuttavia, nella seconda metà dell'anno e in modo particolare il quarto trimestre - comunica Schaeffler - i risultati sono migliorati notevolmente rispetto ai primi sei mesi con il contributo di tutte le tre divisioni e in particolare modo in Cina dove il fatturato è cresciuto dell'8,7% al netto degli effetti di cambio. L'EBIT è stato influenzato negativamente da attività straordinarie - espansione dei programmi di trasformazione ed efficienza RACE (Automotive Technologies), GRIP (Automotive Aftermarket) e FIT (Industrial) - per 946 milioni di euro (nel 2019 era stato di 372 milioni di euro).

Nonostante il calo del fatturato, il margine EBIT dell'azienda prima delle attività straordinarie è stato del 6,4% (anno precedente: 8,1%), dimostrando che le misure avviate nell'ambito dei programmi divisionali stanno avendo un impatto.

Dopo un primo semestre debole con un margine EBIT dell'1,2%, nella seconda metà dell'anno il margine EBIT è migliorato al 10,5%, superando anche l'anno precedente (8,4%).

In particolare la divisione Automotive Technologies ha generato un fatturato di 7.821 milioni di euro (anno precedente: 9.044 milioni di euro). Al netto degli effetti di cambio, i ricavi sono diminuiti dell'11,6% rispetto all'anno precedente.

In un contesto di mercato già in declino l'EBIT prima delle attività straordinarie è diminuito del 44% a 278 milioni di euro (anno precedente: 496 milioni di euro). Il margine EBIT della divisione prima delle attività straordinarie è sceso al 3,6% (anno precedente: 5,5%). Il margine EBIT, prima delle attività straordinarie, del secondo semestre è stato del 10,0%, migliorando sia rispetto al primo semestre (-5,5%) che al corrispondente periodo del 2019 (6,1%).

La perdita netta attribuibile agli azionisti della capogruppo per il periodo in esame è stata di 424 milioni di euro, mentre nell'anno precedente era stato registrato un utile netto di 428. Su questa base, il consiglio di amministrazione di Schaeffler AG proporrà all'assemblea generale annuale un dividendo di 25 centesimi per azione ordinaria senza diritto di voto (anno precedente: 45 centesimi).

Per il 2021 il Gruppo Schaeffler prevede un aumento considerevole del fatturato con una crescita di oltre il 7% al netto degli effetti di cambio e la possibilità di generare un margine EBIT prima degli effetti straordinari del 6-8% nel 2021. In particolare la divisione Automotive Technologies crescerà da 2 a 5 punti percentuali in più rispetto alla produzione automobilistica globale di autovetture e veicoli commerciali leggeri.

Su questa base, l'azienda si aspetta che la divisione Automotive Technologies generi una crescita del fatturato considerevolmente positiva al netto degli effetti di cambio, e che migliori leggermente il suo margine EBIT prima delle attività straordinarie rispetto all'anno precedente, portandolo a più del 4,5%.

"Guardiamo con fiducia al prossimo anno - ha commentato Klaus Patzak, CFO di Schaeffler AG - e prevediamo una crescita relativamente robusta per i nostri mercati. Tuttavia, l'ambiente economico rimane difficile in tempi di pandemia, non ci aspettiamo di raggiungere i livelli pre-crisi fino a dopo il 2022".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie