Auto: mancano semiconduttori, crisi produttiva in Messico

Riflessi dell'emergenza anche in tutto il NordAmerica

Redazione ANSA CITTA DEL MESSICO

La carenza planetaria di chip e semiconduttori tiene con il fiato sospeso l'industria automobilistica in Messico in particolare, e nella regione nordamericana in generale, provocando una reazione a catena in tutto il settore automotive.
    Ad interrompere la produzione per primo lunedì è stato lo stabilimento della filiale messicana della General Motors (GM) nello stato centrale di San Luis Potosí, determinando lo stop di 15 aziende di componenti dell'indotto in quella provincia. Per la stessa ragione GM ha anche chiuso temporaneamente le operazioni in uno stabilimento negli Usa e in un altro in Canada.
    Intanto a Toluca, 70 chilometri a ovest di Città del Messico, è stata annunciata anche la sospensione delle attività di sette aziende fornitrici di autoricambi.
    I media sottolineano oggi che un numero sempremaggiore di aziende automobilistiche installate in Messico soffrono di questa carenza di semiconduttori che affligge l'intero pianeta.
    Il presidente dell'Industria nazionale delle componenti per auto (Ina), Oscar Albin, ha stimato che entro la fine del 2021 saranno prodotti 264.000 veicoli in meno del previsto in Nord America, pari all'1,6% di un totale stimato in 16,2 milioni.
    Per il Messico il problema sta soprattutto nel fatto che non ci sono fabbriche di semiconduttori e quelli che vengono utilizzati sono tutti importati da aziende che si trovano in Asia (Taiwan, Cina, Corea del Sud e Giappone).
    Tra le aziende colpite dalla crisi c'è anche la tedesca Audi, il cui stabilimento si trova a San José Chiapa, nello stato di Puebla. La mancanza di chip ha costretto la direzione ad autorizzare un solo turno di lavoro dal 18 al 29 gennaio). Per cui Audi ha registrato un calo del 42,5% nella produzione in gennaio del suo modello Q5.
    Fausto Cuevas, direttore generale dell'Associazione messicana dell'industria automobilistica, ha affermato che la mancanza di semiconduttori è stata la causa del calo in gennaio del 15% nella produzione di veicoli. Un trend, ha concluso, che "si estenderà a tutto il 2021". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie