Volkswagen, brand conferma il rispetto dei piani su elettrico

Marca Gruppo Vw punta a 450mila auto Ev vendute entro il 2021

Redazione ANSA ROMA

La marca Volkswagen conferma, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, il rispetto della roadmap per la strategia Accelerate, che nel 2020 ha comportato investimenti in tecnologie future per circa 2,7 miliardi di euro. E indica in 450.000 unità le consegne di veicoli elettrici previste nel 2021, più del doppio di quanto fatto nel 2020. Lo scorso anno i ricavi del brand hanno raggiunto 71,1 miliardi di euro, mentre nel 2019 erano stati di 88,4. Le immatricolazioni a fine anno sono state di 5,3 milioni di veicoli, contro i 6,3 dell'anno precedente. "Abbiamo gestito con successo la pandemia da Coronavirus - ha detto Ralf Brandstätter, Ceo della marca Volkswagen durante la conferenza sui risultati 2020 - Dopo una prima metà dell'anno impegnativa, abbiamo reagito con una rigida disciplina dei costi e una forte performance di vendita. Volkswagen ha registrato un utile di esercizio di 454 milioni di euro prima degli special items e quindi ha operato in modo redditizio anche nell'anno della crisi".
    La marca Volkswagen ha ottenuto una riduzione anno su anno dei costi fissi di circa 1 miliardo di euro. In particolare nel terzo e soprattutto nel quarto trimestre, la rigorosa gestione dei costi ha avuto pieno effetto. Con 1,4 miliardi di euro, l'utile operativo nel quarto trimestre è stato notevolmente superiore al livello registrato nello stesso periodo del 2019. Inoltre, allineando strettamente la produzione alla domanda dei clienti, è stato possibile ridurre le scorte nette del 10% rispetto all'anno precedente.

Volkswagen: nel 2021 previsto ritorno operativo fra 3 e 4%
La marca Volkswagen prevede un forte aumento delle consegne nel 2021 e punta anche a un aumento significativo dei ricavi dalle vendite anno su anno. In termini di ritorno operativo - ha detto Alexander Seitz membro del board con responsabilità per management, controlling e accounting durante la conferenza annuale sui risultati finanziari 2020 - Volkswagen punta a un corridoio compreso tra il 3 e il 4%. "Nonostante le battute d'arresto causate dalla pandemia di Coronavirus - ha ribadito Seitz - continueremo a lavorare costantemente per ottenere il nostro obiettivo di un margine del 6% nel 2023. Tuttavia il raggiungimento di questi traguardi dipende dal corso della pandemia nei mercati chiave dell'azienda, nonché dalla disponibilità di semiconduttori". Volkswagen, il brand che fa parte del Gruppo di Wolfsburg, continuerà a concentrarsi sull'efficienza per finanziare i previsti investimenti di 16 miliardi di euro destinati alla elettrificazione e alla digitalizzazione entro il 2025. Come è stato sottolineato durante la conferenza, l'azienda ha definito quattro aree in cui operare a tal fine. Un primo obiettivo è quello di realizzare una riduzione del 5% dei costi fissi entro il 2023. Allo scopo Volkswagen ha confermato misure come il congelamento della forza lavoro al livello di gennaio 2021 e gli accordi di pensionamento parziale in conformità con gli accordi presi con il comitato aziendale. Gli altri obiettivi sono un aumento della produttività delle fabbriche pari al 5% ogni anno, una riduzione dei costi dei materiali del 7% e un miglioramento sostenibile della redditività nelle singole Regioni in cui opera il brand. Da quest'ultimo punto di vista, nonostante la crisi del Coronavirus, Volkswagen è sulla buona strada per raggiungere il pareggio negli Stati Uniti e in Sud America già quest'anno. Volkswagen prevede un forte aumento delle consegne nel prossimo anno e punta anche a un aumento significativo dei ricavi delle vendite anno su anno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie