Mini JWC Anniversary Edition celebra 60 anni delle Cooper

Versione speciale in sole 740 unità derivata dal modello 306 Cv

Redazione ANSA ROMA

Il nome di Cooper, all'anagrafe John Newton Cooper, è indissolubilmente legato al fenomeno Mini e al suo successo che prosegue da oltre 6 decenni. Nato nel 1923 (e scomparso nel 2000) John Cooper, lavorando con il padre Charles che aveva fondato il team, è stato un pioniere delle corse già negli Anni '50. Con le sue monoposto a motore centrale ha rivoluzionato la Formula 1.
  

  La sua idea - mai più abbandonata - di posizionare il propulsore dietro il pilota invece che davanti, aiutò Jack Brabham a guadagnare due titoli mondiali nel 1959 e nel 1960 con Cooper F1.
    Grazie alla sua naturale inclinazione per soluzioni poco ortodosse, Cooper era simile al suo amico e collega designer Alec Issigonis, che a sua volta rivoluzionò il segmento delle piccole auto con la prima Mini del 1959. John Cooper riconobbe subito il potenziale sportivo di questa city car e iniziò nel 1961, d'accordo con l'azienda, la produzione di una piccola serie di Mini con freni più grandi e motore portato da 34 a 55 Cv di potenza.
    Era così nata la Mini Cooper, antenata di tante piccole sportive che divenne subito un successo. Il marchio Cooper e il logo circondato da un anello rosso divennero subito famosi. Due anni dopo, con l'arrivo della Mini Cooper S ancora più potente, arrivarono anche i successi nelle gare tra cui i tre primi posti assoluti nel Rally di Monte Carlo nel 1964, 1965 e 1967.
    Mini festeggia ora i 60 anni di collaborazione con la famiglia Cooper. Un impegno comune per il massimo piacere della guida su strada e i successi nelle competizoni. Lo fa con una serie di 740 unità per tutti i mercati del mondo (di cui 60 in Italia) della John Cooper Worka 3 porte, denominata appunto Anniversary Edition.
    Caratteristiche di design e di equipaggiamento esclusive rendono l'Anniversary Edition una proposta unica per i collezionisti Mini di tutto il mondo, appassionati alla tradizione sportiva del marchio strettamente legata al nome John Cooper. L'edizione speciale sarà disponibile come Mini John Cooper Works con motore benzina turbo 306 Cv, dotata come le altre JCW di una tecnologia delle sospensioni sviluppata sulla base del know-how racing.
    Contraddistinta dal numero 74 visibile sulle portiere grazie ad un effetto di contrasto lucido-opaco, Anniversary Edition rende omaggio al numero di partenza 74, associato alla prima Mini Cooper che fu vittoriosa in pista. Dalla nascita della prima Mini Cooper nel 1961 i kit di elaborazione Cooper per i veicoli di produzione acquisirono una crescente popolarità e già prima del rilancio sul mercato della Mini da parte del Gruppo Bmw nel 2001, fu creato il marchio John Cooper Works sotto cui John Michael 'Mike' Cooper, figlio del grande progettista di F1, continuò a collaborare con Mini.
    Tracce della storia condivisa tra Mini e famiglia Cooper si possono ritrovare sia all'esterno che all'interno della Anniversary Editions. come la verniciatura verde scuro con dettagli bianchi delle monoposto degli Anni '50, o ancora i 'segni' nel tipico Rosso del logo Cooper. Mini JWC Anniversary Editions è disponibile, oltre che nel British Racing Green metallizzato anche nelle varianti Midnight Black metallizzato e Rebel Green.
    Con tutte queste verniciature stripes sul cofano, tetto, calotte degli specchietti retrovisori esterni, maniglie delle porte e contorno dei fari e delle luci posteriori sono in bianco. Per altri elementi di rivestimento esterno sono disponibili le finiture in Piano Black high gloss.
    Mini Anniversary Edition combina i contenuti della versione John Cooper Works con caratteristiche esclusive di questo modello come i cerchi in lega leggera John Cooper Works da 18 pollici in design Circuit Spoke a 2 tonalità, Il logo Cooper si trova sui listelli sottoporta, sui montanti laterali, sui montanti C e sulla razza centrale del volante sportivo in pelle Nappa.
    L'equipaggiamento interno dell'edizione comprende sedili sportivi John Cooper Works in tessuto Dinamica e pelle con finitura Carbon Black, l'headliner color antracite, la pedaliera in acciaio inossidabile e le finiture interne in Piano Black high gloss. L'anello rosso del logo originale John Cooper adorna il coperchio del vano bagagli e la superficie interna sul lato passeggero. Sul lato del conducente, la superficie interna presenta le firme di John, Mike e Charlie Cooper. Come ulteriore indicazione del carattere esclusivo dell'edizione, l'interno del telaio della porta del guidatore presenta una targhetta con la firma di John Cooper, la nota scritta a mano con in numero della serie delle '740 unità e la frase "60 Years Of Mini Cooper - The Unexpected Underdog'.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie