Piemonte

Mafia: allarme relazione Dia, Piemonte territorio eletto

Locali dedite a narcotraffico, estorsione e diffusa corruttela

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Piemonte territorio eletto dalle mafie, in particolare della 'ndrangheta". È il monito della Direzione distrettuale antimafia, che nel suo rapporto semestrale conferma come la criminalità organizzata in Piemonte si è consolidata.
    "Come più volte sottolineato - si legge ancora - dalle prime cellule di 'ndrangheta si è giunti, nel tempo, alla costituzione di veri e propri locali che senza abbandonare il florido settore del narcotraffico non disdegnano, se del caso, condotte violente e asfissianti azioni estorsive finalizzate al controllo del territorio, inquinando il tessuto economico anche grazie a una diffusa corruttela".
    La relazione della Dia evidenzia inoltre frequenti "commistioni tra le consorterie criminali e i gangli della pubblica amministrazione". Nella provincia di Torino sono varie le locali operanti, spiega la relazione, anche se "non si sia ancora acquisita completa e diffusa consapevolezza di questa pericolosa presenza". Centinaia le confische effettuate, o in corso, nel secondo semestre 2020 sono stati adottati alcuni provvedimenti interdittivi antimafia nei confronti di ditte che operavano nel commercio di autoveicoli, nel settore degli autotrasporti, ma anche nella gestione del ciclo di rifiuti e nella gestione di alberghi. Per la Dia attualmente non paiono intravedersi segnali di "ridimensionamento sul territorio dei gruppi di origine 'ndranghetista che esercitano la propria egemonia lasciando spazio anche a cellule criminali di diversa matrice come quelle riconducibili a Cosa nostra". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie