Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Un film al giorno
  4. Arriva Venom e prova a scuotere il box office

Arriva Venom e prova a scuotere il box office

Nel weekend 10 film, escono anche Ariaferma e The Last Duel

ROMA - Dieci film nuovi di zecca potranno placare la sete dei cinefili finalmente tornati in sala e stuzzicare l'appetito di quel "popolo cinematografico" che si è drammaticamente disperso durante le restrizioni sanitarie? Confortati dai risultati di "007" e "Dune" ( ma anche di un pugno di film italiani) , distributori ed esercenti ci credono.

- VENOM, LA FURIA DI CARNAGE di Andy Serkis con Tom Hardy e Woody Harrelson. Acclamato sequel del primo film tratto dai comics Marvel di uno dei più contraddittori anti-eroi della Casa, vede di nuovo in azione il simbionte alieno dal cuore puro, alle prese con il feroce Carnage che aveva incontrato alla fine del capitolo precedente. Costui ha preso ora le sembianze del serial killer Cletus che ha giurato sterminio in città dopo aver lasciato la prigione. Venom gli si opporrà incarnandosi nel giornalista Edddie Brock.

- MARILYN HA GLI OCCHI NERI di Simone Godano con Miriam Leone e Stefano Accorsi. Destini paralleli di due trentenni affetti da disagio psicologico che troveranno una ragione di cura e di normalità nello specchiarsi l'uno con l'altra. Clara è una mentitrice seriale ma con un carattere solare e positivo; Diego è un introverso facile alla rabbia e ai comportamenti violenti.
    Miriam Leone prosegue con successo la scalata al titolo di attrice completa; Accordi sembra aver trovato una seconda giovinezza italiana dopo gli anni di esilio artistico in Francia. Il film può essere la sorpresa del box office d'autunno.

- THE LAST DUEL di Ridley Scott con Matt Damon, Ben Hafflek, Adam Driver e Jodie Comer. La nuova avventura epica del regista inglese affonda le radici nella storia, rievocando l'ultimo duello giudiziario svoltosi in Francia negli ultimi giorni della cavalleria feudale sotto il regno di Carlo VI. Violentata dallo scudiero di suo marito , la Castellana Marguerite non si piega al silenzio e porta in tribunale Jacques Le Gris, che si fa forte della sua abilità oratoria e dell'amicizia con il suo Signore, il cavaliere Jean de Carrouges. La donna non viene creduta e al marito non resta che invocare il duello di Dio, ovvero l'antica pratica che assegnava la verità al duellante capace di sopravvivere. L'episodio è storico e Ridley Scott lo mette in scena con elegante e maestosa forza epica.

- DAYS di Tsai-Ming Liang con Lee Kang-sheng e Anong Houngeuangsy. Con questo film siamo invece nei più raffinati territori del cinema d'autore. Fedele al suo canone rappresentativo in cui i vuoti sono la vera essenza del racconto, il cineasta taiwanese mette in scena l'incontro di due solitudini: quella del contemplativo Kang e quella del massaggiatore Non che dovrebbe curarlo da una feroce nevralgia cervicale. Un capolavoro da non perdere.

- ARIAFERMA di Leonardo Di Costanzo con Toni Servillo e Silvio Orlando. Gli ultimi giorni di vita in un carcere fatiscente in via di chiusura. Tra secondìni (uno solo) e detenuti (ormai ben pochi) saltano le collaudate regole della detenzione e si forma una diversa (ma anche fragile) comunità. Ecco un film italiano che tiene testa alle rarefazioni del miglior cinema asiatico e si impone per l'asciuttezza dello stile e il carisma dei protagonisti (per la prima volta insieme). Applaudito alla Mostra di Venezia.

Escono anche: il thriller soprannaturale MEDIUM di Massimo Paolucci con Tony Sperandeo; il divertente gangster movie parigino LA PADRINA di Jean-Paul Salome' con un godibile duello attoriale tra Isabelle Huppert e Hyppolite Girardot; la vitale commedia tedesca I'M YOUR MAN di Maria Schrader con Maren Eggert alle prese con un robot androgino che vive solo per soddisfare i desideri della sua padrona (arguta metafora del nuovo equilibrio tra i sessi); il delicato #IO SONO QUI di Eric Lartigau con Alain Chabat che su internet perde la testa per la coreana Soo e si perde a Seoul alla ricerca dell'amore assoluto. E infine il bellissimo documentario di Manuel Coser L'INCORREGGIBILE che pedina l'ex detenuto Alberto Maron tornato in libertà dopo quasi 50 anni di carcere e determinato a ricostruirsi una vita in un mondo di cui non sa più nulla.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie