Borsa: Europa tiene con Wall Street fiacca, Milano +0,6%

Pesano timori su contagi e variante virus in India, spread a 102

(ANSA) - MILANO, 22 APR - Borse europee positive nel finale, con gli indici Usa in lieve calo dopo il dato sulle vendite di case inferiore alle stime, che segue il rialzo dell'indice manifatturiero della Fed di Chicago e il dato contrastato sulle richieste di sussidi di disoccupazione: in calo quelli iniziali, in rialzo invece il dato complessivo. Milano guadagna lo 0,63%, in linea con Francoforte (0,56%), Parigi (+0,67%), Madrid (+1,04%) e Londra (+0,24%). In ribasso a 101,5 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi .
    A due velocità le banche, con rialzi per Bbva (+2,6%), Santander (+0,85%) e Barclays (+0,75%), debole Credit Suisse (-2%), che ha annunciato due bond convertibili per 1,8 miliardi di franchi (1,66 miliardi di euro) per far fronte al fallimento del fondo speculativo Archegos. In Piazza Affari sprint di Nexi (+4,44%), tengono Banco Bpm (+0,6%) e Bper (+0,36%), stabile Intesa (+0,07%), deboli Unicredit (-0,69%) e Creval (-1,37% a 12,27 euro), al di sotto dei 12,5 euro offerti da Credit Agricole (-0,03%) nell'ambito dell'Opa.
    Gira in positivo il greggio (Wti +0,28% a 61,53 dollari) ma non abbastanza per risollevare Shell (-0,9%). Più caute invece Bp (-0,17%), Total (-0,12%), in controtendenza Eni (+0,3%).
    In campo automobilistico acquisti su Valeo (+3,88%) e Bmw (+1,13%), sostenuta dagli analisti di Alpha Value sull'onda lunga della trimestrale. Scivola Renault (-1,52%), che ha chiuso i primi 3 mesi dell'anno con vendite inferiori alle stime degli analisti, contrastate Stellantis (-0,18%) e Cnh (+0,92%), timido rimbalzo della Juventus (+0,6%) dopo il crollo della vigilia con il fallimento del progetto Superlega. Sprint dei produttori di microchip, da Stm (+2,14%) ad Asml Holding (+2,05%), sull'onda lunga della trimestrale e Soitec (+3,46%) dopo i conti dell'intero esercizio. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie