Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: oltre 42 mln di attacchi malware nel 2020

Secondo un rapporto Usa e India maggiori responsabili

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 22 LUG - Sono più di 42 milioni gli attacchi malware rilevati in Cina nel 2020, secondo quanto emerge da un rapporto sulla sicurezza informatica pubblicato ieri. Secondo il rapporto, a cura del National Computer Network Emergency Response Technical Team/Coordination Center of China (Cncert/Cc), nel 2020 Stati Uniti e India sono stati le principali fonti di attacchi stranieri ai danni della sicurezza informatica della Cina.
    Nel documento si legge che il numero di attacchi malware dagli Stati Uniti rappresenta il 53,1% del totale degli attacchi stranieri, mentre il 7,2% è riconducibile all'India. Dal rapporto emerge inoltre che gli Stati Uniti sono anche leader per quanto riguarda il numero di server controllati da malware stranieri che hanno lanciato attacchi informatici contro la Cina e che il Paese possedeva nel 2020 ben 19.000 server di questo tipo, seguito dai Paesi Bassi con 2.083 server e dalla Germania con 1.923 server.
    Fondato nel 2001, il Cncert/Cc è un centro tecnico non governativo e senza scopo di lucro per la sicurezza informatica nonché il team di coordinamento chiave cinese per la risposta alle emergenze di sicurezza informatica. Dal 2008 l'ente si occupa della redazione del rapporto annuale sulla cyber-sicurezza in Cina. (ANSA-XINHUA).
   

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie