Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Venezia evita lista Unesco dei patrimoni in pericolo

I cittadini sono tutti sollevati

(XINHUA) - ROMA, 24 LUG - I residenti di Venezia, la città italiana dei canali, hanno tirato un profondo sospiro di sollievo quando hanno saputo che la loro città ha evitato un posto nella lista dei siti del patrimonio mondiale in pericolo dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco).
    Il Comitato del Patrimonio Mondiale dell'Unesco si è riunito a Fuzhou, in Cina, e ha annunciato giovedì che non avrebbe inserito Venezia nella lista, un'azione che avrebbe messo la città in una posizione di maggior rischio nel perdere il suo riconoscimento da patrimonio mondiale.
    Lo status del capoluogo è stato messo in dubbio sulla base delle preoccupazioni riguardo al fatto che il governo italiano stava facendo troppo poco per proteggere le sue notevoli ricchezze culturali, artistiche e architettoniche.
    La presenza di grandi navi da crociera nella laguna di Venezia è stata uno dei principali motivi di tale allarme a causa degli impatti ambientali e dei danni potenziali che hanno già causato alle infrastrutture di una città costruita su 118 isole separate.
    All'inizio di questo mese, il governo italiano ha comunicato che le navi dal peso superiore alle 25.000 tonnellate e con dimensioni maggiori di 180 metri (590 piedi) sarebbero state bandite dal bacino di San Marco di Venezia, dal canale della Giudecca e dalle aree circostanti a partire dal 1° agosto.
    (SEGUE)

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie