Barelli, grazie a Regioni che hanno a cuore riaperture

N.1 Fin: "Grido allarme è entrato nel dibattito nazionale"

(ANSA) - ROMA, 22 APR - "Finalmente il grido d'allarme che ho lanciato per la chiusura di piscine e palestre trova posto nelle dibattito nazionale riguardante le riaperture": così all'ANSA Paolo Barelli. presidente della Federnuoto.
    "La Conferenza dei Presidenti delle Regioni mette in chiaro la necessità di dare certezze a un settore al collasso, fondamentale per il paese e rappresentato da oltre 100.000 società che permettono l'attività sportiva e motoria a 20 milioni di cittadini. La ripresa deve coinvolgere tutti i comparti socio-economici compreso lo sport tenendo presente, è chiaro, le misure da applicare già vigenti pet la protezione dal virus".
    "I gestori delle piscine, palestre e impianti sportivi in genere - prosegue Barelli anche deputato di Forza Italia - sono tutti consci della necessità di prevenire in ogni modo il contagio e per questo applicano con professionalità protocolli severi a tutela delle attività degli utenti. Lo sport si pratica in Italia solo grazie alle società sportive che sostituiscono nei fatti lo stato assente da sempre in un'attività benefica e salutare con un impatto vantaggioso sulla salute pubblica".
    "Non fare fallire le società sportive, le piscine e le palestre - conclude Barelli - deve essere un impegno di tutti soprattutto del governo, non solo dei Presidenti delle regioni, tenendo presente che fino ad ora i ristori attribuiti alle società sportive sono stati solo briciole". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie